“Er battibbecco”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er battibbecco”

Davanti a ‘na bottija de prosecco
De quello bono co le bollicine
Staveno a starnazzà come galline,
Teneva banco, come sempre, Cecco.

Ner mezzo der vivace battibecco
Fu Giggi che lancianno frecciatine
Disse che nun potemo aprì er confine
A chi nun è nemmanco un ficosecco.

Fu su quer punto che s’arzò Corrado
Lo guardò fisso senza sbatte cijo
E co’ l’aria severa: “me ne vado”

E sollevò perfino er sopraccijo.
Fu Cecco che dovenno trovà un guado
Pensò che a lui spettava dà un consijo.

E districò er grovijo.
Essenno forte proprio come un mulo
A Giggi j’assestò un ber carcio in culo.

Pasquino dell’OC