“Effetto pandemìa”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Effetto pandemìa”

Me svejo la mattina co’ lentezza
La testa è vota e er corpo adè già stanco
Pe sollevamme me ce vo’ er paranco
E penso ar giorno senza contentezza.

De lavamme e vestimme nun c’è scopo
Posso stà cor piggiama e le ciavatte
Vado in cucina a famme er caffellatte
E poi sto rintanato come un topo.

Me sdraio sur divano e guardo intorno
Accenno la tivvu ma è pure peggio
Vedo barbara d’urso e ciò er beccheggio
Er monno ormai lo vedo disadorno.

La speranza è che doppo st’esperienza
L’omo ciavrà un ritorno de coscienza.

Pasquino dell’OC