“Che te succede”

414

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Che te succede”

Civitavecchia mia che te succede
Te guardo tutto er giorno sconsolato
Me sento ar capezzale d’un malato
Sei tanto grave che nun ce se crede.

Ogni giorno te s’apre ‘na ferita,
Da la violenza pare tutto infetto
Nun ce sta amore, nun ce sta rispetto
La civirtà me pare s’è appassita

Li vandali te danno de cortello
Sfasceno tutto senza pentimento
Potrebbero ammazzà puro er fratello

Nun cianno manco un po’ de sentimento.
Vorrebbe a la raggione fa’ un appello
Pe fa capì che er sole nun s’è spento.

Pasquino dell’OC