“Auguri a tutti”

560

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Auguri a tutti”

Auguri a tutti, senza distinzione
De sesso pelle razza e religgione
Auguri a chi ce porta un’opinione
Diversa da la nostra, co’ passione.

Auguri ar furbo, e puro a chi è fregnone,
A quello che se sente un’eccezione
E a chi se mette sempre in discussione.
Auguri a chi cortiva un’illusione,

Auguri al ricco, auguri a lo straccione
A chi è sconfitto e puro a chi è campione
A chi se fa’ magnà dall’ambizione,
E a chi nun cià nessuna presunzione.

A chi è ignorante, a chi cià educazzione
All’esartato, a chi sta in depressione.
Auguri a tutti, nun se fa eccezzione
Perché a Natale nun c’è distinzione.

Però sta generale assoluzione
Nun po’ esse er pretesto e l’occasione
Pe sarvà puro l’amministrazzione
Che nun cià dato ‘na soddisfazzione.

Perché de certo la popolazzione
Nun potrà daje la benedizzione,
Er cittadino che cià compassione
Vo’ esse bono si, ma non cojone.

Pasquino dell’OC