“Ar tempo der virus”

0
202

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Ar tempo der virus”

Nun se po’ né bacia né strigne mano
Nun poi parlà co l’artri da vicino,
Ar più da assai lontano fai n’inchino
Si nun voi fa’ la parte der villano.

Ce sta chi a tutti vorta er deretano
Come se avesse visto n’assassino,
Quanno t’incontra gioca a nascondino,
Se quarcuno lo chiama fa l’indiano.

Ognuno guarda l’artro cor sospetto
Come chi cià davanti n’appestato
E si a quarcuno je voi fa’ un dispetto

Devi fa’ la tossetta co lo sfiato.
Però nun ce scherzà, abbi rispetto,
Pe’ quello che ce dice lo scienziato.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY