“Adera mejo”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Adera mejo”

Un tempo se diceva: er novo è bello,
Quello ch’è vecchio deve annà in pensione,
Bisogna approfittà dell’occasione,
Mo pijjamo noi in mano er manganello.

E allora chi era prima a pecorone
S’è messo su le spalle un ber mantello,
Nun vò fà più la parte der zimbello
Vole esse lui a falla da padrone.

Solo che si apre bocca adè finito:
Nun è che ve lo dico pe dileggio,
Ma cià er cervello che nun è nutrito

E l’uso de la lingua è un sacrileggio.
Er cittadino dice assai avvilito:
Adera mejo quanno adera peggio.

Pasquino dell’OC