“A ognuno er suo”

25

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “A ognuno er suo”

Li problemi de scienza a lo scienziato
Li problemi de legge all’avvocato
C’è er chirurgo pe’ venì operato
Er professore pe’ venì educato

C’è er dentista per dente cariato
C’è l’analista p’esse analizzato
Er medico si uno s’è ammalato
Er pilota pe’ esse trasportato

C’è l’estetista p’esse mijorato
Er gelataro pe magnà er gelato
Er carzolaro pe venì carzato
Er controllore p’esse controllato

Er giornalista pe venì informato
Er magistrato p’esse giudicato
Er politico p’esse governato.
Er monno adè così ch’ha funzionato.

Ma quanno tutto viè rimescolato
E ognuno pensa d’esse assai informato
De sapé tutto senza avé studiato
E senza avé nemmanco faticato

Allora ferma tutto: s’è inceppato
Er cervello dell’omo che ha pensato
Che oramai tutto questo è superato
Che basta un cellulare accessoriato

Pe avecce tutto er monno intrappolato.
E così l’ignorante è ‘no scenziato
L’anarfabeta potrà annà ar senato,
Ognuno potrà esse giudicato

Da quarche tribbunale improvvisato.
Er monno è così tanto malannato
Che chiunque po’ esse nominato
Pure ar vertice più qualificato.

Pasquino dell’OC