“A da passà a nottata”

0
235

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “A da passà a nottata”

So’ sortito a bonora stamattina
Doppo du mesi ch’ero stato ar chiuso
E pé evità de fa’ quarsiasi abbuso
Me so’ infilato guanti e mascherina

In saccoccia ciavevo l’amuchina.
Quanno de casa ho messo fori er muso
Er sole dentro all’occhi m’ha confuso,
De botto s’era accesa ‘na vetrina.

Guardanno intorno me so’ impressionato
E me so’ detto: ma è cambiato er monno?
Tutto era senza vita, addormentato,

Come fosse ‘na veja a un moribonno.
Me so’ sentito solo e abbandonato
E ho pensato che annavo a lo sprofonno.

Ho fatto un girotonno
Correnno so’ tornato dentro al letto:
“A da passà a nottata” me so’ detto.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY