“Una nuova Neonatologia” all’ospedale S. Giovanni di Roma

395

ROMA – “Con la presentazione all’opinione pubblica di ‘Una nuova Neonatologia’ il Complesso ospedaliero San Giovanni Addolorata si arricchisce di un altro reparto ristrutturato e ammodernato”. Lo dichiara Ilde Coiro, Direttore Generale dell’Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata. “In altri termini ‘Una nuova Neonatologia’ entrerà immediatamente in esercizio in ambienti ristrutturati e umanizzati. La razionalizzazione dei processi e il rinnovamento tecnologico – conclude Coiro – consentirà di dare risposte adeguate ai bisogni assistenziali di neonati che nascono con quadri clinici di rischio di sopravvivenza dovuti a varia natura”.
L’opera è stata finanziata dalla Regione Lazio con fondi della Protezione Civile regionale pari a euro 1.338.853,01 più iva per le opere strutturali e gli impianti e di euro 529.673,73 più iva per la dotazione delle attrezzature necessarie. Il totale complessivo di euro 1.868.526,74 più iva.
La nuova sede del reparto occupa una superficie di 750 metri quadri ed è sita al piano terra del Presidio ospedaliero San Giovanni ed è stato provvisto di tutta la consistenza quantitativa e qualitativa delle risorse tecnologiche.
E’ dotato di due sezioni di degenza suddivisi per intensità di cure: la T.I.N. (comprensiva di terapia intensiva e sub-intensiva neonatale) con 16 incubatrici di ultima generazione e la Neonatologia con 9 culle.
Tra le due aree di degenza è presente una Control room, ovvero una centrale di monitoraggio intensivo in grado di rilevare e segnalare tempestivamente le minime variazioni dei parametri vitali e garantire un tempestivo intervento da parte dell’equipe.
L’impegno aziendale maggiore è stato quello di offrire un ambiente “sicuro”, “caldo” e “umano” ai neonati e alle loro famiglie, soprattutto alle mamme e, per tale motivo, è stata studiata con grande cura e attenzione la distribuzione architettonica degli spazi, guardando con occhio attento a quelli dedicati all’accoglienza e al rapporto madre–figlio. Con particolare riferimento a quest’ultimo aspetto è volontà dell’Azienda assicurare la giusta serenità alla fase dell’allattamento con latte materno come momento fondante per l’armonico e vitale sviluppo del bambino.
Per garantire, inoltre, la quantità di latte necessaria ad alimentare i piccoli le cui mamme non hanno latte a sufficienza, già da diversi anni, è attiva una “banca del latte umano donato”.
Lo sforzo economico, organizzativo e gestionale dell’Azienda ospedaliera San Giovanni – Addolorata, volto a garantire assistenza in linea con standard di eccellenza, è stato ingente. “Con l’apertura della nuova neonatologia – dichiara il Direttore Generale Ilde Coiro – mi auguro che il San Giovanni torni ad essere punto di riferimento nascita per la città di Roma”.