Bottiglia incendiaria contro la sede del circolo Pd di Santa Marinella

351

SANTA MARINELLA – Bottiglia incendiaria contro la sede del circolo Pd di Santa Marinella. Il censurabile gesto, che si è consumato nella giornata di ieri, non ha fortunatamente causato seri danni né provocato feriti ma testimoniare chiaramente come il clima della campagna elettorale per le prossime elezioni amministrative sia già decisamente teso.

Solidarietà al circolo cittadino viene espressa dal Circolo PD di Ladispoli, che desidera ringraziare “chi, con prontezza d’intervento, ha permesso la minimizzazione dei danni e la salvaguardia delle persone da eventuali ferimenti”. “Condanniamo quanto compiuto – proseguono da Santa Marinella – in quanto convinti più che mai che la violenza e l’intolleranza presente in questo momento non debbono per nulla essere messe nelle condizioni di sopraffare la libertà di manifestare le proprie opinioni, rispettose solo ed esclusivamente delle nostre leggi. Consideriamo l’atto termometro di un momento di estrema difficoltà per il vivere civile e democratico e come PD Ladispoli ribadiamo la necessità e la salvaguardia della pluralità di pensiero, argine a qualsiasi forma di azione tendente nei suoi obiettivi a rinnegare le diversità, connaturante il mondo moderno e valore aggiunto dei nostri tempi”.

Solidarietà anche dal Partito democratico di Civitavecchia per voce del suo segretario Germano Ferri: “Un gesto meschino e criminale questo – commenta – il quale deve essere rinnegato con forza da tutta la politica in quanto, la violenza, non deve essere mai parte del civile dibattito politico. Il clima di intolleranza e violenza che si sta registrando oggi non deve mettere a rischio la libertà di manifestare le proprie opinioni, purché queste rientrino nel rispetto della legge e dei principi costituzionali. Agli attori politici oggi quindi è chiesto il compito importante di disinnescare il dibattito politico che sta portando i cittadini a protrarre vere e proprie guerre di bandiera non più basate su temi politici concreti, creando di fatto un contesto che rappresenta una vera e propria bomba ad orologeria pronta ad esplodere”.