Bimbo rimane chiuso nell’auto, salvato da due Carabinieri

116

SANTA MARINELLA – Brutta avventura terminata nel migliore dei modi grazie alla tempestiva azione di due Carabinieri in servizio a Santa Marinella.

Un bimbo di appena 22 mesi domenica scorsa è stato protagonista, suo malgrado, di uno spiacevole evento che per non si è trasformato in tragedia grazie ai due militari. Il piccolo per cause accidentali è rimasto chiuso all’interno dell’autovettura dei suoi genitori poco prima delle tredici quando all’esterno la temperatura superava di gran lunga i 30 gradi e nonostante i vari tentativi messi in atto dal padre del bimbo e da alcuni meccanici che si trovavano casualmente sul posto non era stato possibile aprire gli sportelli e far uscire il bambino Il salvataggio, racconta ancora commosso il papà, è avvenuto solo grazie all’intervento di due appuntati i quali, senza pensarci troppo, a mani nude, hanno dapprima frantumato il finestrino dell’auto e dopo, non curanti del pericolo evidente, causato dalle numerose schegge di vetro che peraltro li avevano già feriti lievemente sulle braccia, si sono introdotti all’interno del veicolo traendo in salvo il bimbo fortemente provato in quanto rimasto rinchiuso per oltre 20 minuti al caldo e sotto il sole torrido di questi giorni.

“Solo l’intervento dei due militari ha evitato che una piacevole giornata trascorsa al mare, si tramutasse in una tragedia. Il pianto straziante di mia moglie è stato interrotto quando i due carabinieri le hanno esso tra le braccia il suo bimbo sano e salvo Il tutto seguito da un forte applauso da parte dei cittadini presenti sulla strada principale del paese”, scrive E.L. il papà in una lettera di ringraziamento ai militi.

Ai due militari e al loro comandante il maresciallo Ricci è andato anche il plauso e il sentito ringraziamento del sindaco Pietro Tidei: “Questo piccolo ma significativo intervento dimostra, ancora una volta, quanto sia capillare e importante la presenza dei militari dell’Arma sul nostro territorio, persone impegnate, non solo nella prevenzione e repressione del crimine , ma anche sempre umanamente pronte ad intervenire al fianco della popolazione in tante diverse situazioni di pericolo e necessità”.