La Consulta delle Donne sollecita l’Amministrazione: “Iniziative concrete contro il femminicidio”

20

CIVITAVECCHIA – La Consulta delle Donne questo pomeriggio alle ore alle 17.00 sarà sotto al Comune per ricordare tutte le donne vittime di femminicidio e per stimolare l’Amministrazione Comunale, a cui chiedono di appendere alle finestre della Casa Comunale lo striscione “La città di Civitavecchia contro il femminicidio”, a prendere iniziative concrete che aiutino le donne ad uscire da situazioni di violenza.

In Italia tra Gennaio e Ottobre 2020 sono state uccise 91 donne – riferiscono dalla Consulta – la maggior parte dai propri mariti e conviventi: una ogni tre giorni. I maltrattamenti in famiglia sono aumentati dell’11% e, durante il lockdown, sono cresciuti in modo esponenziale. Molti di questi femminicidi sono morti annunciate: le donne troppo spesso non sono credute né aiutate dalle Istituzioni che frequentemente sottovalutano la situazione e non tengono in considerazione le loro denunce. Così accadde a Marianna Manduco il cui ricordo è vivo. A lei quest’anno la Consulta delle Donne vuole dedicare La Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne: Violenza Maschile ed Istituzionale. 13 anni fa, il 3 Ottobre del 2007 Marianna Manduco, 32 anni, viene uccisa dal marito. Marianna tra il 2006 e il 2007 presenta almeno 12 denunce per le violenze quotidiane e per le continue minacce di morte del marito. In tutti questi anni la Magistratura non le crede. Saverio Nolfo continua indisturbato a picchiarla ed umiliarla fino a quel terribile 3 Ottobre. L’assassino sarà condannato a 21 anni ma chi non ha protetto Marianna ha permesso che il femminicidio fosse compiuto. Nel 2017 il tribunale di Messina condanna lo Stato a risarcire i tre figli, ma nel 2019 il risarcimento viene annullato. Nel 2020 la Cassazione ha accolto l’Istanza contro l’annullamento del risarcimento dello Stato ai tre figli orfani di femminicidio e il 9 Dicembre ci sarà il processo. Per questo il 9 dicembre 2020 in nome di Marianna e di tutte le donne vittime di femminicidio, la consulta delle donne celebrerà la giornata internazionale contro la violenza sulle donne”.