“Giorno della Memoria”: un messaggio di Liliana Segre alla sezione ANPI di Cerveteri e Ladispoli

42

LADISPOLI – Mercoledì 27 gennaio è il Giorno della Memoria e con un messaggio speciale della Senatrice Liliana Segre, la Sezione ANPI Ladispoli-Cerveteri onorerà questa ricorrenza.

Sarà un momento di riflessione tra letture, testimonianze, musica. L’incontro è fissato per le ore 18 in modalità on line, per rispetto alle normative vigenti in ordine al Coronavirus.

Per evitare odiose incursioni squadriste, come già è avvenuto in analoghe circostanze, non pubblichiamo per prudenza il link della piattaforma digitale – dichiarano dalla sezione ANPI locale – Per partecipare, il link verrà reso noto agli iscritti e a persone e/o gruppi affidabili. ‘Ricordare non è un’azione passiva, bensì un impegno costante che ha lo scopo di renderci persone migliori. Ricordare la tragedia ci aiuta a non ripetere, oggi e domani, le stesse atrocità di allora’. Ricordare anche per trasmettere gli anticorpi morali alle nuove generazioni. In questo tempo sospeso e drammatico, carico di ansia, .possiamo tentare, senza ombra di parallelismi offensivi della Shoah ( ‘non si può applicare il male di allora a quello di oggi’) di immaginare la condizione disperata di intere comunità ebraiche, perseguitate da un ‘virus’ politico spietato: quello delle Leggi razziali, studiato e programmato dal nazismo e dal fascismo fiancheggiatore. Se non c’era possibilità di fuga, l’alternativa era quella di nascondersi, di isolarsi, di trovare un asilo amico nella speranza che quell’ondata di odio e di crudeltà finisse. Il Diario di Anna Frank docet. Alcuni ce l’hanno fatta, altri no, sono finiti nei campi di sterminio. Sei milioni di persone alle quali è stato negato con la ferocia il diritto alla vita”.

Una testimonianza, preziosa, è firmata dalla Senatrice Liliana Segre che ha inviato alla sezione ANPI di Cerveteri e Ladispoli  un saluto d’indirizzo per la Giornata della Memoria. Un saluto che viene anticipato per tutti coloro che non potranno partecipare all’incontro on line: “Cari amici dell’ANPI di Ladispoli e Cerveteri ci tengo vi giunga il mio saluto in occasione della commemorazione del Giorno della Memoria 2021. Appuntamento importante, perché ogni anno ci ricorda la liberazione del campo di sterminio di Auschwitz da parte dei soldati sovietici, il 27 gennaio 1945. Eppure, a proposito di memoria, non va mai dimenticato che quell’evento, l’apertura dei cancelli di Auschwitz, non significò affatto la fine delle atrocità. Il giorno prima della liberazione infatti era iniziata una terribile “marcia della morte”, che vide i nazisti spingere migliaia di sopravvissuti stremati, al gelo e alla fame, sempre più verso ovest. Questo ultimo orrore si concluse solo i primi di maggio del 1945. Eravamo migliaia all’inizio, ma solo un pugno di noi, poche decine, riuscì a sopravvivere. Per questo è così importante la conoscenza storica e la conservazione del ricordo. Quest’anno purtroppo la Commemorazione del Giorno della Memoria potrà avvenire solo con modalità da remoto, ma mi auguro che l’iniziativa dell’ANPI del vostro territorio abbia comunque eco e riscontro. Senza memoria infatti, cioè senza senso della storia, è impossibile una cittadinanza consapevole e pienamente democratica. Spero dunque che l’occasione del Giorno della Memoria contribuisca a rinsaldare il nostro legame civile e morale. In un periodo drammatico come l’attuale ne abbiamo particolarmente bisogno. Un caro saluto a voi tutti, Liliana Segre”.