Volano colpi bassi nella fu maggioranza Tedesco

CIVITAVECCHIA – Siamo ormai alla battaglia senza esclusione di colpi tra Fratelli d’Italia e La Svolta da una parte, gli ex alleati di maggioranza Lega e Forza Italia dall’altra. Molto ex, a giudicare dallo scambio di accuse reciproche e dai colpi bassi che ormai le due fazioni si scambiano generosamente da alcuni giorni a questa parte. I volti sorridenti e gli abbracci della vittoria elettorale sono ormai uno sbiadito ricordo, che hanno lasciato il passo a rancori e conflitti evidentemente già in corso ma camuffati durante la campagna elettorale. E la conferma arriva dalla nuova controreplica, stavolta a firma congiunta, da parte dei capigruppo Fabiana Attig (La Svolta) e Vincenzo Palumbo (FdI) all’indirizzo degli “amici” della Lega,

Viste le esternazioni dei colleghi della Lega, circa l’asserito merito del Sindaco di aver fatto eleggere i consiglieri di FdI e Svolta, occorre ricordare che se Tedesco è Sindaco, lo deve esclusivamente al buonsenso proprio di Fratelli d’Italia e della Lista Civica – esordiscono Attig e Palumbo – Proprio il passo indietro del Candidato Sindaco in pectore, Massimiliano Grasso, ha permesso la costituzione della coalizione con a capo, l’outsider dell’epoca, il redivivo Tedesco, scomparso per quindici anni dalla politica, dopo essersi allontanato da Alleanza Nazionale ed essendosi riscoperto una mattina, leghista della prima ora. Fratelli d’Italia e la Svolta hanno addirittura consegnato il proprio programma a Tedesco che non ne aveva uno. Hanno condotto l’opposizione ai 5 stelle per cinque anni ed hanno condotto la maggioranza nelle decisioni più importanti. Nella tornata elettorale poi, i 3.500 voti, di FdI e Svolta (pari a circa l’11,5% dei voti), hanno determinato l’elezione di Tedesco e dei consiglieri a lui fedeli, per il momento. Il Sindaco indicato dalla Lega ha raccolto, nel primo turno, meno voti della coalizione che lo sosteneva (circa il 2,5 % in meno), garantendo quindi Tedesco un bel valore aggiunto… negativo”.

“Quindi – conclude la nota congiunta – quanto sostenuto dagli amici della Lega nell’insultare la consigliera Attig, è, come già accaduto, contrario al vero. Se gli amici della Lega siedono in Consiglio, con poco più di 300 voti individuali, lo devono certamente ai quasi 500 voti di Fabiana Attig, agli oltre 500 di Simona Galizia, ai quasi 1.000 di Giancarlo Frascarelli… e non il contrario. Che piaccia o no, il centrodestra a Civitavecchia ha il suo cuore pulsante in FdI e negli amici della Svolta”.