Via Pinelli. Per Monteduro l’ordinanza della Procura è “illegittima”

tribunaleCIVITAVECCHIA – L’ordinanza con cui il Giudice Marco Mazzeo ha disposto il dissequestro dello stabile di via Pinelli è inefficace a tutti gli effetti di legge. Ne è convinto il Segretario dei Repubblicani europei Vincenzo Monteduro per il quale il provvedimento emesso dalla Procura di Civitavecchia è illegittimo “per un vizio di forma e di sostanza”. “La leggerezza con la quale Pm e Gip hanno agito – afferma Monteduro – induce a cattivi pensieri che, senza mezzi termini, ho manifestato loro in un incontro occasionale in Procura, anticipandogli la possibilità di un esposto presso la Procura della Repubblica Perugina. Appare infatti inverosimile che ad entrambi i magistrati sia potuto sfuggire l’inefficacia della delibera per il suo mancato perfezionamento, per essere utilizzata per l’emissione di quella bizzarra ‘Ordinanza’. La sua efficacia si sarebbe formalizzata con la seconda adozione consiliare ed il successivo parere regionale sulla proposta di variante al Prg”. In sostanza, secondo Monteduro, essendo illegittima la delibera del Consiglio comunale in quanto variante a tutti gli effetti del Piano regolatore e priva della conseguente approvazione regionale, è illegittimo anche l’atto della Procura, che non si sarebbe preoccupata di accertare la validità della provvedimento votato dall’Aula Pucci. Quindi, conclude il Segretario dei Repubblicani europei, “allo stato attuale, la delibera in trattazione con la quale i magistrati hanno ritenuto che il Consiglio Comunale ha rimosso le irregolarità che portarono al sequestro del manufatto è inefficace a tutti gli effetti di legge.”