Usi civici, La Rosa: “La Regione annulli la determina del 2013 e ritiri quella del 2019”

TARQUINIA – Nell’udienza di oggi il Commissario agli usi civici, constatata le 1221 opposizioni alla determina della Regione Lazio, a supporto di quelle del Comune, ha concluso l’udienza invitando la Regione Lazio, l’Università Agraria ed il Comune di Civitavecchia a trovare una via amministrativa alla risoluzione del problema usi civici, per evitare di mettere in piedi una enorme quantità di contenziosi. Era assente l’Università Agraria.

Il Commissario si è detto disponibile a mettere a disposizione delle amministrazioni coinvolte le informazioni in proprio possesso, per arrivare ad una soluzione amministrativa e definitiva del problema. La CTU prodotta dal perito incaricato dal Commissario stesso, ha preso atto della enorme quantità di documenti presentata dal perito del Comune, dott. Alebardi, e dal perito dei comitati dei cittadini, dott. Benedetti: ci sono tutti gli estremi per essere ottimisti sul buon esito dei nostri ricorsi e che quindi la prima sentenza, che riguarda la causa intentata da Maruccio, affermi che in quella zona l’uso civico non sia presente.

Invito quindi la Regione Lazio a procedere senza indugi, prendere atto di quanto indicato dal Commissario e annullare la determina del 2013, ritirare quella del 2019 ed aspettare la sentenza del commissario, prevista entro maggio.
La soluzione da me già suggerita in precedenza, e che torno a ribadire, è quella di spostare gli usi civici esistenti, togliendoli dalle zone già urbanizzate da decenni.

 

Emanuele La RosaM5S Consigliere Comunale