Usi civici: il Prefetto convoca Università Agraria, Comune e Regione

ROMA – Il Consigliere M5S Lazio e Vicepresidente del Consiglio Regionale, Devid Porrello, esprime apprezzamento per l’iniziativa promossa dalla Prefettura di Roma di avviare un’interlocuzione con tutti gli attori dell’annosa vicenda degli usi civici a Civitavecchia. “Molto meno apprezzabile – commenta Porrello – invece è l’atteggiamento dell’Università Agraria di Civitavecchia e della sua presidente facente funzioni, che in questi anni non ha tenuto conto delle necessità dei cittadini di Civitavecchia nonostante oggi parli di atteggiamento collaborativo. Confido molto nell’elevato ruolo istituzionale del Prefetto e spero che alla fine si riesca a individuare un percorso condiviso per la risoluzione delle molteplici criticità e che riesca a far riflettere gli attuali vertici della UA che il loro mandato è scaduto da tempo, che per statuto il vice presidente non può sostituirsi al presidente e che per il benessere della collettività non si possa compiere che una sola azione: indire le elezioni e guardare al futuro”.

Più critica la posizione della Presidente pro tempore dell’Università agraria cittadina, Damiria Delmirani: “Il Prefetto di Roma, in accoglimento dell’istanza presentata dalla Regione Lazio, di cui l’Università Agraria non conosce il contenuto, riunirà nei prossimi giorni la stessa Università, il Comune di Civitavecchia e la Regione Lazio in un tavolo per discutere sul futuro in merito all’attuale situazione dell’ente. Certamente è da sottolineare come il Prefetto non abbia alcuna competenza materiale e giuridica sia sul tema degli Usi Civici che sulla gestione della stessa Università Agraria, per effetto di legge divenuta Ente di diritto privato, ma è in ogni caso fondamentale ed importante che si sia finalmente giunti alla determinazione della necessità di un tavolo di concertazione e confronto gestito da un Soggetto terzo ed imparziale come il Prefetto di Roma. L’Università Agraria di Civitavecchia accoglie quindi l’invito e contribuirà ai lavori in maniera fattiva e leale, previa acquisizione della nota della Regione Lazio”.