Uscite i leoni da Palazzo del Pincio

CIVITAVECCHIA – I leoni stazionano fieri e saldi davanti Palazzo del Pincio, ma non dentro a quanto pare. Sono trascorse quasi due settimane, infatti, dall’approvazione della delibera che consente la sosta gratuita a Consiglieri e Assessori nei parcheggi blu limitrofi a Piazzale Guglielmotti durante la loro attività istituzionale. Un provvedimento apparso subito quanto meno inopportuno, se non proprio arrogante nei confronti dei cittadini e di quelle categorie che soprattutto in questo momento stanno soffrendo nuovi pesanti sacrifici a causa dell’emergenza Covid. Ragion per cui ogni decisione politica che introduce privilegi nella classe degli amministratori, anche se normativamente legittimi, andrebbe opportunamente evitata. Ed è proprio per questo motivo che la nostra Redazione, unitamente ad alcune forze politiche e a molti cittadini, aveva sollecitato i promotori di questa decisione a metterci la faccia, dato che la stessa delibera indicava il provvedimento come consequenziale alle richieste pervenute proprio da alcuni Consiglieri.

Ebbene, a questo punto, rinnoviamo la domanda: chi sono questi consiglieri che non vogliono pagare il parcheggio durante la loro attività istituzionale, peraltro retribuita con gettoni di presenza che bastano e avanzano per il pagamento della sosta se proprio si è così pigri da non voler parcheggiare in strisce bianche un po’ più lontano da Piazzale Guglielmotti? Se ritenete la delibera in questione necessaria e motivata, cosa avete da nascondere? Perché non far sapere ai cittadini chi siete? Forse è utile “metterci la faccia” solo quando occorre farsi un po’ di pubblicità a suon di selfie e video sui social? O forse in certi casi qualcuno non ha proprio in mente i cittadini quando sostiene l’approvazione di certi odiosi privilegi? O, peggio ancora, si fa affidamento sul tempo che scorre, i problemi che si rincorrono e l’abitudine dei cittadini a dimenticare? Siate coraggiosi. Attendiamo fiduciosi che i leoni escano da Palazzo del Pincio.

Marco Galice