Una Scuola Forense per l’Ordine degli Avvocati di Civitavecchia

CIVITAVECCHIA – Si è tenuta ieri presso la sala convegni dell’Autorità di Sistema Portuale la presentazione della Scuola Forense dell’Ordine degli Avvocati di Civitavecchia, in ottemperanza al Regolamento sulla formazione degli Avvocati che ha sancito l’obbligo di frequenza ai fini del rilascio del certificato di compiuta pratica a decorrere dal 28 settembre 2018.

L’incontro ha visto i saluti del Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Avv. Francesco Maria Di Majo che ha plaudito all’iniziativa, anticipando la disponibilità ad una fattiva e proficua collaborazione per la formazione degli Avvocati nelle materie giuridiche che regolano l’attività dell’Ente. Il Direttore della Scuola Forense, Avv. Leonardo Montini Paciotta, ha illustrato le finalità ed il programma dei corsi che spaziano tra i più vari ambiti del diritto Questo, grazie alla fattiva iniziativa del Consiglio per tramite del delegato alla Formazione Avv. Mario Iervolino e del Comitato Scientifico, nei Colleghi Monica Paglialunga, Fabrizio Pieretti, Patrizio Leopardo e Marco Paniccia.

La Scuola potrà contare su docenti di assoluto spessore provenienti dal mondo professionale, da quello accademico e dalla magistratura. Tra questi il Cons. Alberto Cozzella, già sostituto procuratore generale della Corte d’appello di Roma, che si occupa del coordinamento dei corsi in materia penale, ed il Cons. Franco Bianchi, già Presidente Tar Piemonte.

“La Scuola Forense è stata istituita nel 2011 dall’Ordine degli Avvocati di Civitavecchia – dice il Presidente Paolo Mastrandrea – su iniziativa del Consiglio allora presieduto dall’Avv. Vincenzo Cacciaglia, ed è stata oggi rimodulata nel rispetto della normativa che accredita di diritto le Scuole Forensi presso gli Ordini quali Enti autorizzati alla formazione dei praticanti avvocati”. “Non è semplicemente l’adempimento di un obbligo di legge – aggiunge Mastrandrea – ma il passaggio obbligato per la garanzia del più corretto e qualificato adempimento del diritto di difesa dei diritti”.