UGL. “Regione intervenga per riaprire subito pediatria del S. Paolo”

CIVITAVECCHIA – L’UGL Salute scende in campo contro la chiusura del reparto di Pediatria dell’Ospedale San Paolo di Civitavecchia che ha portato alle conseguenti dimissioni del vice Primario Dottor Alario.

“È l’ennesimo schiaffo – dichiarano congiuntamente Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della Ugl Salute e Fabiana Atttig Responsabile della Ugl Civitavecchia – assestato alla sanità locale da una politica miope e incapace di calarsi nella realtà attuale. L’organico della Unità Operativa nel tempo è stato sempre più ridotto quando invece per le esigenze del territorio ci sarebbe servito potenziarlo”.

I sindacalisti si rivolgono alla Regione Lazio. “Perché chiudere la Pediatria? Il risultato è che una zona così vasta come quella di Civitavecchia debba dirottare sui distanti ospedali di Roma, perché le più vicine Tarquinia e Bracciano non dispongono di un tale reparto, i giovani pazienti, intasando ancora di più delle strutture assolutamente sotto pressione a causa dell’emergenza generata dalla pandemia”.

Gianluca Giuliano e Fabiana Attig concludono: “Chiediamo alla Regione Lazio che il reparto di Pediatria dell’Ospedale di Civitavecchia venga immediatamente riaperto con un organico adeguato a cui vengano applicate le dovute garanzie contrattuali per restituire ai cittadini un servizio di primaria importanza”.