Tidei e Bonomi: “Il porto si deve rifornire d’acqua in modo autonomo”

PortoCIVITAVECCHIA – Il Sindaco Tidei, insieme al delegato al Servizio Idrico-Acqua Pubblica, Roberto Bonomi, hanno scritto al Presidente dell’Autorità Portuale Pasqualino Monti per richiedere informazioni circa la possibilità, già annunciata, di rifornire le utenze portuali tramite una conduttura autonoma da realizzare a spese dell’ente portuale.
“E’ parere unanime di tutto il personale tecnico dell’ufficio acquedotto che quel progetto, redatto dall’Ing. Solinas, comporterebbe effetti molto positivi per la città” si legge nella lettera.
“Il Comune di Civitavecchia avrebbe tutto l’interesse a rinunciare a questa fornitura, poiché comporterebbe una maggiore acqua potabile da destinare alle utenze dei cittadini. Realizzando la conduttura in questione, l’Autorità Portuale risarcirebbe la città di parte dei disagi indotti dalle attività portuali e contribuirebbe alla quanto mai più necessaria opera di trasparenza”.
Secondo il Sindaco Tidei e il delegato Bonomi, presso l’impianto di Filtri Aurelia sarebbe ampiamente disponibile l’acqua necessaria a garantire una specifica fornitura per il porto. Questa disponibilità sarebbe già stata garantita informalmente in passato da SIIT su richiesta degli uffici comunali di competenza.