Skatepark, Gruppo consiliare M5S: “Bene che i giovanissimi ricordino all’amministrazione le sue disattese promesse”

CIVITAVECCHIA – Dal Gruppo consiliare del M5S riceviamo e pubblichiamo:

Nel pomeriggio di ieri un gruppo di giovanissimi skaters locali ha organizzato una piccola manifestazione davanti al Comune per ribadire il “Vogliamo lo skatepark”.
Eravamo presenti perchè avevamo appreso dai canali social di questo piccolo evento e ci sono alcuni punti che ci preme sottolineare.
1 – L’età media dei presenti era davvero bassa. Per la maggior parte infatti erano ragazzi minorenni, ed il fatto che dei minorenni siano presenti ad una manifestazione è di per sè un qualcosa di positivo che va ascoltato e non ignorato.
2 – Tre anni fa l’amministrazione comunale fece diverse promesse a loro e ai loro genitori. Non ne ha mantenuta neanche una. Nel frattempo sono cambiate quattro giunte ma non un singolo passo in avanti è stato fatto. Non è stato portato avanti il nostro progetto e non ne è stato proposto uno nuovo, anche più piccolo, come promesso. Bene che questi ragazzi ricordino all’amministrazione le loro disattese promesse.
3 – Lo skateboard, che piaccia o no, è uno sport olimpico. Numerose realtà d’Italia realizzano skate park. A breve, anche comuni a noi vicini. Civitavecchia invece ha cestinato un progetto già pronto, a costo zero per il Comune perchè sarebbe stato realizzato nell’ambito delle compensazioni Enel per TVN del 2003 (sottolineiamo: 2003!) per fare un nuovo progetto, e quindi spendere nuovi soldi in progettazioni, per un parco Saraudi che prevede campi da Padel. Come se non ce ne fossero abbastanza a Civitavecchia e dintorni.
4 – Ad oggi gli abitanti di Campo dell’Oro e di Civitavecchia tutta non hanno un parco, non hanno uno skatepark, non hanno nulla. A tre anni e mezzo dall’insediamento della Giunta Tedesco, il Saraudi una giungla di erbacce era ed una giungla di erbacce rimane. Nonostante un progetto già pronto sul tavolo.
5 – I costi dei materiali sono praticamente raddoppiati in questi 3 anni: anche qui l’ìmmobilismo della Giunta Tedesco comporta un danno milionario alla collettività. Per realizzare qualunque cosa, bisognerà spendere ora molto di più di quanto si sarebbe speso 3 anni fa. E se non si farà nulla, sarà solamente un favore ad Enel che a 20 anni di distanza ancora non ha realizzato le compensazioni dovute”.

Gruppo consiliare M5S