Rifiuti, Città Futura: “Siamo tornati indietro nel tempo”

CIVITAVECCHIA – Anche l’associazione politica “Città Futura” annuncia la propria adesione alla manifestazione del 18 giugno a Piazzale Guglielmotti per il mantenimento della raccolta differenziata “porta a porta” su tutto il territorio cittadino.

“Le prime modifiche alla raccolta differenziata, come l’abolizione di un giorno di raccolta della plastica e lo spostamento del turno notturno dalle 22 alle 4 del mattino, hanno mostrato già molti problemi – affermano in una nota gli esponenti di Città Futura – L’accavallarsi della circolazione dei mezzi di raccolta con quelli privati per gli spostamenti lavorativi o per la spesa hanno creato traffico e ingorghi. Basta girare per le vie della nostra città per vederle intasate dalla plastica non raccolta, i mastelli non svuotati, lasciati sui marciapiedi del centro, ricolmi. Siamo tornati indietro, e presto potrebbe verificarsi uno spettacolo ancora peggiore in zona 2, una volta eliminato il porta a porta e ripristinati i cassonetti. Ci si chiede poi chi pagherà i cassonetti con card elettronica, sperando che l’eventuale finanziatore non chieda ulteriori compromessi ambientali. Screditare il servizio, mortificare i lavoratori e creare disservizi facilmente evitabili è un gioco che conosciamo bene e che sembra sempre suggerire il ricorso alla privatizzazione”.

“Ecco perché – concludono – Città Futura aderisce, partecipa ed invita tutte e tutti a partecipare alla manifestazione indetta per 18 giugno alle 15.30 nel piazzale antistante il Comune di Civitavecchia, per protestare contro la delibera che vorrebbe ritirare il servizio della raccolta porta a porta in zona 2″.