Raccolta “porta a porta”: fu vera informazione?

CIVITAVECCHIA – Botta e risposta tra Marietta Tidei e il Movimento Cinque Stelle sull’imminente avvio della raccolta differenziata “porta a porta”.

Il Consigliere regionale del Pd, infatti, accusa l’Amministrazione comunale di scarsa informazione alla cittadinanza in merito all’avvio del servizio, previsto per il prossimo 28 febbraio. “Dietro i proclami del primo cittadino – afferma Marietta Tidei – però, si nasconde una disorganizzazione enorme, nonostante siano quasi cinque annibali che si annuncia questo provvedimento da parte di quella che crebbe dovuto essere l’Amministrazione più ambientalista della storia. La raccolta dei rifiuti porta a porta va organizzata seriamente e mi pare che ad oggi non ci siano i minimi presupposti per garantire ai cittadini un servizio degno di questo nome. Moltissimi cittadini non hanno neppure ricevuto la lettera che li informava dell’avvio della differenziata e non c’è stata nessuna campagna informativa degna di questo nome. Non si è pensato neppure di fare una pagina Facebook per fornire informazioni e risolvere dubbi. Chiunque abbia solamente letto la ormai copiosa letteratura in tema di raccolta differenziata porta a porta, sa che è indispensabile avviare una attenta e capillare campagna mesi e mesi prima. In genere si organizzano incontri nelle scuole, assemblee nei quartieri, si forniscono esperti a domicilio per gli utenti più anziani. Invece l’amministrazione pentastellata ha riversato gli oneri tutti sulle spalle degli utenti. Che sono dovuti andare da soli a ritirare il kit. Che dovranno capire da soli dove lasciare i contenitori. Che dovranno basarsi esclusivamente sullo scarno libretto consegnato, non a tutti, dagli incaricati. E’ facile prevedere problemi, specie nelle zone del centro storico, dove il conferimento dei rifiuti dovrà convivere con la movida e i tavoli all’aperto dei ristoranti. Mi sembra che tra tanti nostri concittadini. L’impressione che, nonostante sia da sempre uno dei cavalli di battaglia della Giunta Cozzolino, la differenziata si stata avviata in fretta e furia, tanto per dire di aver rispettato l’impegno, prima della prossima campagna elettorale”.

Replica e respinge ogni accusa, a nome del M5S, il Consigliere comunale Francesco Fortunato, che parla di ““ennesima uscita a casaccio che arriva dalla famiglia Tidei”. “Stavolta – commenta – dalla consigliera regionale che probabilmente troppo presa tra un plauso e l’altro all’operato zingarettiano non si è accorta di quanto accadeva negli ultimi tre mesi in città. Una campagna informativa continua, portata avanti con incontri pubblici distribuiti in più punti della città e pubblicizzata in maniera costante, oltre che per via postale, sul sito di CSP, sul canale Telegram Civitavecchia Informa e Facebook sulle pagine di Civitavecchia Servizi Pubblici e Civitavecchia Informa. Solo su quest’ultima pagina i post sono stati pubblicati con una media di uno ogni quattro giorni. Capisco che avvicinandosi la campagna elettorale per le amministrative e avendo una situazione interna al suo partito, e nell’eventuale coalizione che si andrà a formare, sempre più caotica bisogna spostare l’attenzione, però mi permetto di consigliarle di trovare degli appigli sostenibili e ricordarsi sempre il motto ‘Google è tuo amico’. A buon intenditor…”