Pomante (CGIL): “Fare di Civitavecchia e il comprensorio l’isola del futuro si può”

41

CIVITAVECCHIA – Da Stefania Pomante, Segretario Generale CGIL Civitavecchia Roma Nord, riceviamo e pubblichiamo:

“La transizione energetica per Civitavecchia e per il Paese è il vero nodo strategico da sciogliere, un nodo che va sciolto guardando al futuro. Viviamo oggi una opportunità irripetibile: si può sanare una ferita aperta da secoli, l’antico dilemma che ha messo il lavoro in contrapposizione alla salute. Riconciliare lavoro, salute e l’ambiente e rendere al contempo lo sviluppo sostenibile e competitivo oggiè possibile. I cambiamenti climatici e la pandemia, le scelte Europee per la ripresa economica, con il piano New Generation EU e i finanziamenti a questo destinati aprono una finestra temporale che farà la differenza e potrà avviare la città verso un nuovo modello e nuove opportunità: perdere questa occasione sarebbe scellerato.
Siamo tutti consapevoli che l’uscita dal carbone non ci consente un modello totalmente senza gas, e che per arrivare a questo dovremo lavorare fino al 2050.
Tuttavia siamo contrari alla costruzione di una nuova centrale a gas a Torrevaldalica Nord. Nel tratto di costa che va da Civitavecchia a Montalto di Castro sono già presenti due siti a turbogas: sarebbe inaccettabile per il territorio e la comunità tutta accettare altri impianti.
Scelta lungimirante è e sarà quella di affiancare a questi una soluzione percorribile da subito e alternativa.
La CGIL territoriale , da mesi sta lavorando per aprire un confronto di merito in città e sul territorio, cosi come altre associazioni e comitati e cittadini.
Dopo la riunione del 4 dicembre al Mise la CGIL ha valutato opportuno farsi promotrice di un incontro che mettesse in rete tutti e tutte coloro che pensano ad un futuro diverso, di sviluppo sostenibile ed economicamente vantaggioso per le aziende e i lavoratori, per i tanti giovani e le generazioni che verranno.
Questa mattina con il link “la CGIL per il territorio” si sono incontrati e hanno deciso di lavorare ad un obiettivo comune : Città Futura, Comitato Sole, Forum Ambientalista, Comitato No al Fossile Civitavecchia , Fabrizio Barbananelli, Giovanni Ghirga, Generazione Futuro, Associazione Civitavecchia c’è. L’obiettivo è quello di allargare la discussione e lanciare un’alternativa a quella della costruzione di una nuova centrale a gas.
L’idea di un isola del futuro realizzata al centro del mediterraneo è realizzabile e di questo hanno parlato i tecnici Angelo Moreno e Franco Padella: energie rinnovabili, idrogeno e celle a combustibile, in una citta’ e in un porto ad emissioni zero.
L’idea proposta dalla Cgil alla quale tutti lavoreremo è quella di una iniziativa pubblica per spiegare i vantaggi e le potenzialità di un nuovo modello energetico che consenta la piena e troppo a lungo trascurata valorizzazione del territorio. Questo come grumo primario, primissimo approccio collettivo e territoriale ad un tema che per sua natura non può che avere un rilievo nazionale.
Tutti noi da oggi siamo e resteremo a disposizione nella convinzione che altri e molti debbano avvicinarsi all’idea, confrontarsi e, aggiungersi e dare il loro contributo.
Pensare un nuovo modello di crescita è doveroso da parte di tutti, a partire dalle amministrazioni competenti”.

Stefania Pomante – Segretario Generale CGIL Civitavecchia Roma Nord