Polo Civico: “Accesso nord: quelle continue perdite d’acqua che non dovrebbero esserci”

111

CIVITAVECCHIA – Dal Coordinamento del Polo Civico riceviamo e pubblichiamo:

“Due anni fa Civitavecchia aveva motivo di rallegrarsi vedendo completata la tanto attesa sistemazione dell’accesso nord cittadino lungo la statale Aurelia. Tale obiettivo, sebbene conseguito un decennio dopo l’analogo intervento effettuato all’ingresso sud, produceva infatti un sensibile miglioramento del collegamento viario e risultava funzionale alla regolazione in sicurezza della circolazione delle persone e del traffico degli autoveicoli e al loro stazionamento.
Ma i motivi del compiacimento venivano ben presto offuscati dal ripetersi di un grosso inconveniente: accadeva che in quell’opera, che nel complesso rispondeva ai fini per cui era stata realizzata, l’asfalto – pur completamente rifatto – si rompeva all’improvviso in diversi punti per lasciare spazio a copiose fuoriuscite di acqua. Ogni volta s’imponeva la presenza degli addetti all’ufficio tecnico e dei vigili urbani per constatare quanto avvenuto e limitare i molti disagi. Seguivano riparazioni della tubazione e rifacimenti parziali del manto stradale.
Ora, vogliamo argomentare, il guasto ad un elemento di un’opera pubblica non proprio semplice come quella che ha interessato la Via Aurelia Nord ci può pure stare, ma qui la rottura della strada con relativa inondazione (l’ultima è avvenuta pochi giorni addietro) si è verificato una decina di volte. E allora vuol dire che qualcosa non ha funzionato a dovere all’atto della esecuzione dei lavori, vuol dire che chi doveva effettuare a regola d’arte l’opera in questione ha invece compiuto lo sbaglio di non procedere alla totale sostituzione della tubazione. Ha insomma voluto introdurre nell’ammontare di una spesa totale certamente consistente un risparmio addirittura irrisorio omettendo di rimpiazzare una tubazione vetusta risalente a una settantina di anni addietro con una nuova della lunghezza di duecento metri o giù di lì. E purtroppo l’errore di ieri continua anche oggi in regime di gestione Acea dal momento che il problema dei guasti sulla vecchia rete cittadina anziché essere affrontato nel suo complesso viene risolto sottoponendo di continuo la conduttura a riparazioni su riparazioni. La cui efficacia sarà messa a dura prova dalla stagione invernale”.

Il coordinamento del Polo Civico