Petrelli: “Le preoccupazioni infondate dell’Agraria”

225

CIVITAVECCHIA – Dal Consigliere comunale Vittorio Petrelli riceviamo e pubblichiamo:

“Il Presidente dell’Università Agraria, De Paolis, commentando a maggioranza gli inviti a rinunciare a ricorrere in appello contro la sentenza nr. 66/2019 che le erano stati rivolti da più parti e con vari interventi in occasione del recente Consiglio Comunale, li aveva apertamente criticati dichiarando, tra l’altro, che “era facile fare quelle affermazioni da parte di persone che non hanno responsabilità amministrativa”; lasciando così intendere che egli deve ricorrere in appello contro la sentenza perché costretto da responsabilità amministrativa. Ieri 23 dicembre, lo stesso Presidente in un’ intervista alla televisione locale è tornato a ribadire il concetto di essere tenuto a ricorrere in appello per evitare azioni di responsabilità da parte della Corte dei Conti.
Al riguardo, desidero con forza qui smentire categoricamente il presidente e la sua maggioranza perché nella vicenda c’è un grosso elemento di novità. Mi riferisco al recente reperimento dei documenti delle aste di vendita dei terreni della Tenuta delle Mortelle che sono stati validati e citati in sentenza dal Giudice Commissario agli Usi Civici che ha deliberato sulla questione e che riguardano tutte le particelle in cui è stata ripartita la tenuta.
Sono tali atti che fanno la differenza. La realtà è diversa da quella che per anni è stata colpevolmente sbandierata. Non c’è e non può esserci quindi responsabilità amministrativa nel prendere atto della realtà dei fatti come dimostrata da documenti inoppugnabili. Ci vuole solo coraggio nel prenderne atto e nell’assumersi le proprie responsabilità a riguardo delle azioni conseguenti. Quel coraggio e quel senso di responsabilità che debbono caratterizzare un ruolo pubblico così rilevante per la comunità.
Se quindi al Presidente De Paolis ed alla maggioranza dell’Università Agraria manca coraggio amministrativo e non sta a cuore il benessere e la salute di quei concittadini che pure dovrebbero tutelare, lo scrivente li invita alle dimissioni, dichiarandosi pronto a candidarsi quale amministratore dell’Università Agraria al fine di sanare questa ingiustizia”.

Vittorio PetrelliConsigliere comunale