PD: ” Basta morti sul lavoro, servono scelte precise e inequivoche”

CIVITAVECCHIA – Riceviamo e pubblichiamo:

“La tragedia di Firenze mette a fuoco, ancora una volta, il dramma di chi perde la propria la vita recandosi sul posto di lavoro.
Anche la nostra città ha versato, nel passato, il proprio inaccettabile tributo.
Non servono a molto, in tali circostanze, parole di solidarietà, cordoglio e commozione.
Ciò che serve è che quanti hanno responsabilità di governo, a tutti i livelli, si assuma le proprie responsabilità e intervenga con scelte precise ed inequivoche a tutela della salute e della incolumità di chi lavora.
In primo luogo, si dia vita ad una lotta senza quartiere al lavoro nero; svolto al di fuori da qualunque normativa contrattuale e di legge. Si tratta di un crimine e come tale dovrebbe essere perseguito.
Ancora; si corregga ciò che, nelle disposizioni di legge sugli appalti, consente di acquisire commesse al “massimo ribasso”, comprimendo le spese per la sicurezza e le retribuzioni dei lavoratori. Si definisca, con estrema chiarezza, che i trattamenti, a parità di prestazione, non possono essere diversi tra coloro che prestano la propria opera per l’appaltatore e tra coloro impiegati in imprese di subappalto.
Infine, si promuova e sostenga una cultura della sicurezza in ogni ambiente lavorativo e, di conseguenza, si accresca il numero dei controlli, la loro serietà, la loro severità e il loro rigore; una attività, del resto, che in un Paese normale, dovrebbe essere un atto minimo e dovuto.
Fatte queste considerazioni, il Partito Democratico non può non essere accanto ai lavoratoti e ai loro sindacati, che protestano, anche con lo sciopero, per rivendicare condizioni sicure e dignitose nei posti di lavoro, perché si applichino contratti stipulati, non da organizzazioni di “comodo” ma effettivamente rappresentative”

Il Partito Democratico di Civitavecchia e il Gruppo Consiliare del PD