PaP: “Perché impedire la presenza dei delegati dei lavoratori al tavolo su CSP?”

28

CIVITAVECCHIA – “Apprendiamo da fonti sindacali che questa mattina, durante i lavori del tavolo convocato sulla delicata vertenza CSP, i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Fiadel si sono spavaldamente opposti alla presenza dei delegati dei lavoratori, richiesta invece da USB. A quanto pare, quando la delegazione USB si è presentata alla riunione, i rappresentanti di tutte le altre sigle sindacali, in compagnia del vice sindaco Massimiliano Grasso, hanno protestato e lasciato rumorosamente la sala”.

Lo dichiara in un una nota Potere al Popolo Civitavecchia, che censura l’accaduto: “In un momento delicato come quello vissuto oggi dalla CSP – prosegue la nota – con il rischio concreto che attività importanti gestite oggi della società vengano esternalizzate e svendute ai privati, condotte simili hanno come unico risultato quello di dividere e disorientare i lavoratori ad esclusivo vantaggio di politicanti locali e privatizzatori d’ogni tipo. Avendo preso parte a tutte le mobilitazioni di piazza a sostegno dei lavoratori e delle lavoratrici di CSP, ci vediamo costretti a stigmatizzare tali comportamenti da sindacato giallo e, nel rinnovare la nostra solidarietà a chi lotta per la tutela del lavoro e dei beni pubblici, auspichiamo che nessuno provi più a mettere in discussione la legittima voglia di partecipazione da parte di chi certi problemi li vive e li denuncia in prima persona”.