PaP: “No alla privatizzazione di CSP!”

CIVITAVECCHIA – Da Potere al Popolo Civitavecchia riceviamo e pubblichiamo:

“Tira una brutta aria sulla sorte del servizi pubblici civitavecchiesi e in particolare sull’azienda partecipata CSP. Se non fossimo abituati a leggere certe operazioni amministrative come atti scientemente applicati per perseguire finalità ben precise, ci sarebbe da ridere per l’incoerenza e l’approssimazione posta in essere dall’amministrazione Tedesco. Da mesi infatti i lavoratori e le lavoratrici di CSP aspettano un piano di risanamento che, qualche tempo fa, era anche stato elaborato e votato in consiglio comunale, salvo poi essere bloccato dalla stessa giunta comunale con la scusa della pandemia. Manca poi un piano industriale serio che rilanci l’azienda attraverso adeguati finanziamenti.
In questo scenario non mancano invece segnali inquietanti ed atti amministrativi che non lasciano presagire veramente nulla di buono. Dall’esternalizzazione del verde, alla presunta razionalizzazione delle farmacie comunali fino al depotenziamento dei servizi cimiteriali. L’azione di questa giunta sembra davvero prefigurare una sorta di fallimento pilotato utile solo a creare le condizioni per la privatizzazione e la svendita del patrimonio pubblico cittadino.
Tutto questo è assolutamente inaccettabile e lo è ancora di più se si pensa che oggi, con un piano industriale serio e lungimirante, si potrebbe davvero sopperire alla carenza d’organico in certi settori gestiti da CSP, come ad esempio il trasporto pubblico, migliore i servizi messi a disposizione della cittadinanza e tutelare al contempo l’occupazione di decine di nostri concittadini.
Per questo, come assemblea territoriale di Potere al Popolo, aderiamo convintamente alla mobilitazione indetta dalle organizzazioni sindacali per martedì 18 maggio.
La battaglia contro la privatizzazione di CSP è una battaglia importantissima che riguarda la difesa dei servizi, dell’occupazione e del bene pubblico cittadino. Per questo noi ci saremo. Per questo non faremo mancare il nostro sostegno”.

Potere al Popolo – Civitavecchia