“Non si possono sparare certe cifre per vincere le elezioni”

386

polverini moscheriniCIVITAVECCHIA – Ma i numeri occupazionali che “spara” il Sindaco Moscherini sul futuro impianto termale sono credibili? Se lo chiedono i partiti del centrosinistra di fronte alle cifre a tre zeri che il Primo cittadino da giorni regala all’opinione pubblica. “In soli dieci giorni i posti di lavoro previste nel progetto per il nuovo complesso termale sono passati da 1.500 a 6.000 – si legge in una nota dei segretari dei partiti del centrosinistra – A breve ripeterà il gioco di prestigio al Teatro Traiano in compagnia della Polverini e l’imprenditore Giuseppe Sarnella. Bisogna che qualcuno informi il Sindaco che i suoi sketch non stupiscono più nessuno. Da cinque anni i cittadini di Civitavecchia assistono alle solite battute. Come dimenticare opere che nessun Comune d’Italia può realizzare quali il nuovo ospedale e la nuova stazione ferroviaria? Come dimenticare il programma delle larghe intese del 2007 e di cui non è stato realizzato un solo punto dei 90 previsti?
Il centrosinistra stigmatizza il comportamento della Presidente Polverini, che domani al Traiano affiancherà Moscherini e Sarnella nella presentazione del progetto termale. “La Polverini resta pur sempre il Presidente della Regione Lazio. E forse non guasterebbe un maggior senso di responsabilità nei confronti di una città che soffre terribilmente il dramma della disoccupazione. Poco comprensibile è invece il ruolo del signor Giuseppe Sarnella, presidente della società proprietaria dell’area su cui dovrebbe sorgere l’attrazione turistica più importante del Lazio. Prestarsi a uno spot elettorale per dare modo al Sindaco di raccogliere curriculum di cittadini disperati alla ricerca di un posto di lavoro  è un atteggiamento che riporta a tempi lontani che la democrazia rappresentativa a seppellito”.
“Moscherini – concludono dal centrosinistra – perderà le elezioni anche perché prende in giro i cittadini. A fine mandato non fa altro che firmare accordi e protocolli d’intesa agitando ai disoccupati della nostra città lo specchietto dell’assunzione. Se i posti di lavoro fossero veri noi saremmo i primi ad essere contenti. Ma si tratta di scatole vuote come ben sa il Sindaco, il signor Sarnella e la Polverini. E’ davvero poco nobile sfruttare in questa maniera il bisogno di lavoro.  A due settimane dalle elezioni amministratori e imprenditori dotati di un minimo di senso di responsabilità non possono mettere in atto simili sceneggiate”.