Nasce l’associazione DMO “Etruskey” per la promozione del territorio

CIVITAVECCHIA – Questa mattina, presso il castello di Santa Severa, i sindaci di dodici città dell’Etruria meridionale hanno firmato l’accordo per la costituzione dell’Associazione DMO Etruskey finalizzata alla promozione turistica del nostro territorio, attraverso i cluster tematici del turismo storico, culturale e outdoor, enogastronomia ed educazione ambientale.

Ladispoli, Montalto di Castro, Tarquinia, Civitavecchia, S. Marinella, Cerveteri, Allumiere, Barbarano Romano, Blera, Canale Monterano, Monte Romano e Tolfa, formeranno un circuito in grado di offrire un’alternativa più che valida ai croceristi che arrivano a Civitavecchia ed a quei turisti che fino ad oggi non hanno avuto alternative a Roma, arrivando col treno o con l’aereo. Ma tanti saranno quei turisti che la DMO si andrà a prendere nelle fiere e ovunque, con un brand riconoscibile e accattivante ma con tanta sostanza dietro.

Il nuovo organismo, di natura pubblico-privata, avrà l’obiettivo di gestire il coordinamento di tutti i soggetti interessati alla promozione del nostro territorio,

Il progetto presentato, che ha ottenuto il finanziamento di 250mila euro dalla Regione Lazio, prevede nelle prime fasi la creazione di un marchio d’area, una piattaforma di promo-commercializzazione comune agli associati, una comunicazione web e social, pacchetti turistici tematici e partecipazione ad eventi di settore.

Forte soddisfazione tra i sottoscrittori dell’accordo. “Il sindaco Alessandro Grando – afferma l’assessore alla cultura del Comune di Ladispoli, Marco Milani  – al momento della firma ha espresso la sua soddisfazione per questo risultato, inseguito ma mai raggiunto per decenni, diventato realtà oltre che un altro successo di questa amministrazione.  Dodici città, trentuno privati, daranno vita a un circuito turistico dell’Etruria meridionale, in grado di attirare negli anni milioni di turisti, non solo stranieri ma anche italiani. Saremo individuabili con un marchio, un’identità ben precisa, un’organizzazione in grado di fornire assistenza ai turisti, che potranno godersi il Tour della bassa Etruria, visitando i tanti siti delle nostre città, i nostri ristoranti, i nostri alberghi, le nostre spiagge”.

“Sappiamo da fonti certe – continua Milani – che altre città e tanti privati hanno fatto richiesta d’ingresso, istanze che saranno valutate più avanti. Mesi di lavoro, tanti progetti da proporre al mercato, tavoli di lavoro permanenti su diversi cluster (Turismo culturale e identitario, salute, enogastronomia, turismo rurale, outdoor), insomma un Think Tank agguerrito. ETRUSKEY fa fare un salto da gigante al turismo locale e si pone in Pole Position tra le offerte del mercato, dove cominceremo ad esserci nelle fiere internazionali con stand, materiale pubblicitario, contratti con agenti stranieri, insomma una nuova dimensione per le attività del settore di Ladispoli. La nostra città, cresciuta culturalmente e turisticamente in questi ultimi quattro anni, in grado di organizzare eventi internazionali e di grande richiamo (l’ultima prova è stata fornita con il Festival Celtico, già assurto a festival di livello europeo e pronto per una seconda edizione stellare), ha centrato dunque un obiettivo, che sembrava impossibile. Dodici città, diverse per cultura, storia, sviluppo, vocazione e molto altro, hanno compiuto un capolavoro e d’ora in poi ci sarà da correre e da stare al passo coi tempi, soprattutto per gli operatori del settore Turismo, perché sarà fondamentale la formazione di tanto personale in grado di offrire accoglienza, competenza e gentilezza”.

Anche la Pro Loco di Civitavecchia ha preso parte alla costituzione della Associazione DMO “Etruskey”.

“L’Associazione Turistica Pro Loco di Civitavecchia – afferma la Presidente Maria Cristina Ciaffi – che si identifica all’interno del progetto nel cluster “turismo culturale ed identitario” intende fare la propria parte per lo sviluppo turistico del territorio e per la valorizzazione delle Terme Taurine inserite all’interno del cluster. Sarà quindi un approccio strategico per la realizzazione di una rete tra gli enti pubblici e i soggetti privati, finalizzata ad una offerta turistica integrata per poter essere più competitivi sul mercato”.

La presidente Ciaffi ringrazia l’intero Consiglio Direttivo per aver voluto accettare questa nuova sfida approvando la partecipazione alla DMO “Etruskey” con l’intento di far parte di una rete più ampia con lo scopo di rafforzare i progetti dell’Associazione.