Mozione di PD e Tarantino per ristrutturare il “Luogo della Memoria” in via Trieste

CIVITAVECCHIA – Mozione urgente del Gruppo consiliare del Partito Democratico e di Carlo Tarantino per chiedere una ristrutturazione del “Luogo della Memoria” sito in via Trieste. Di seguito il testo integrale della mozione:

PREMESSO:
che 14 maggio 1943 Civitavecchia fu vittima del primo di una lunga serie di bombardamenti tra i più tragici della Seconda Guerra Mondiale che furono drammaticamente reiterati 87 volte nell’arco di poco più di un anno, fino al 22 Maggio 1944. La Città, che fino ad allora era ricca di storia e tradizioni, antico porto di Roma e primo scalo marittimo in Italia per i collegamenti con la Sardegna ed importante nodo ferroviario, subì la quasi totale distruzione per quella che fu la serie di eventi bellici annoverata fra quelle più dolorose per il Paese;
che, secondo i resoconti dell’epoca, il bilancio degli edifici distrutti era pari al 95% e solo alcune abitazioni, ubicate in zona periferica, restarono intatte. Il tremendo bilancio di morti e feriti riporta 450 vittime civili, oltre ai dispersi rimasti sotto le macerie e i tanti caduti tra i militari colpiti sulle navi che furono affondate in porto;
che l’8 marzo 1999 Civitavecchia ha ricevuto la Medaglia d’oro al Valor Civile, per i sacrifici delle sue popolazioni e per i danni alla città subiti proprio durante il secondo conflitto mondiale che ha comportato il disperato esilio forzato della popolazione superstite presso le colline e i paesi circostanti.
CONSIDERATO:
che nella nostra Città, oltre al Monumento alle Vittime dei Bombardamenti situato alle spalle della Cattedrale costituito dalla lastra monumentale scolpita con i nomi delle vittime civili ufficialmente note che persero la vita in quel drammatico giorno, si è nel tempo spontaneamente identificato in via Trieste come “Luogo della Memoria” un ristretto angolo di rovine, particolarmente significativo, rimasto diroccato così come fu ridotto proprio dai bombardamenti;
che alcuni anni fa, in occasione del 14 maggio, l’artigiano e artista nostro concittadino, Manlio Midio, all’interno di quello scorcio di ruderi ha realizzato un’opera in compensato riproducente figure umane sotto l’incombente caduta delle bombe;
che i manufatti di cui sopra hanno riscosso un grande favore di pubblico destando interesse e commozione anche di tanti turisti che, in transito dal porto, si trattenevano in quel luogo così drammaticamente suggestivo tanto da indurre l’Amministrazione Comunale pro tempore ad apporre una targa a margine che ricorda i tragici eventi che colpirono la nostra Città identificando quel tratto di via Trieste come il “Logo della Memoria”.
VISTO:
che, a causa dell’esposizione alle intemperie e al naturale invecchiamento del materiale, le sagome in compensato sono ormai deteriorate e irriconoscibili e che il “Luogo della Memoria” viene spesso coperto da erba e piante infestanti;
che un intervento di completa ristrutturazione, oltre che avere un costo modestissimo, contribuirebbe a mantenere vivo il ricordo, specie nei giovani, della profonda ferita patita a causa della guerra e potrebbe far annoverare il “Luogo della Memoria” tra gli scorci degni di interesse per chiunque si trovi a visitare la nostra Città.
Per quanto sopra espresso si
IMPEGNA
il Sindaco e la Giunta:
a predisporre una ristrutturazione del “Luogo della Memoria” sito in via Trieste valutando l’eventualità di sostituire le vecchie sagome con delle nuove realizzate in materiale più duraturo che possano consentire una retroilluminazione attraverso il posizionamento distaccato dal muro di sostegno;
ad inserire una specifica voce nel contratto con la municipalizzata CSP al fine di programmare una periodica ed adeguata pulizia e cura del “Luogo della Memoria”.

I Consiglieri comunali del Piendibene, De Angelis, Di Gennaro, Scilipoti e Tarantino