Marino: “L’Agraria non canti vittoria, l’ordinanza va letta tutta”

CIVITAVECCHIA – “Ha poco da esultare Daniele De Paolis. Nell’annunciare che il Consiglio di Stato ‘ha dato ragione’ all’ente che presiede, ha infatti dimostrato di non capire ciò che ha letto o di non volerla dire tutta”.

Così il Consigliere comunale della Lega Pasquale Marino dopo il comunicato stampa trionfante di ieri del Presidente dell’Agraria. “Il Consiglio di Stato, più esattamente, dice che possono partire i lavori ‘del progetto avviato dalla odierna appellante limitatamente alla parte del Pgaf non espressamente contestata’ – spiega Marino – E mettiamo noi l’ordinanza a disposizione dei cittadini che vogliono verificare. Tutto ciò, se mai, getta un’ombra in più su quelle parti di Piano di Gestione e Assestamento Forestale che sono già state (purtroppo, diciamo noi) interessate nei mesi scorsi dall’opera delle ruspe dell’Agraria, con i risultati ambientali lamentati dal comune, dai comitati e dalle associazioni ambientaliste, oltre che da migliaia di cittadini che hanno anche firmato petizioni ed esposti. Ma se proprio De Paolis e i suoi hanno tutta questa voglia di lavori, allora al lavoro ci si mettano loro! Ad esempio, dando istruzioni ai soci su come mantenersi in regola con i pagamenti, visto che ormai da più di due anni manca una comunicazione adeguata al riguardo. Oppure riaprendo i termini per l’iscrizione di nuovi soci, che sono da tempo bloccati dagli attuali vertici. Infine, senza dubbio la cosa più importante ed urgente da fare, convochino queste elezioni che la città sta chiedendo a gran voce anche con i sit-in davanti alla sede, con l’evidente obiettivo di poter così finalmente esprimere il proprio netto giudizio sull’operato di questi anni e riportare la legalità nell’ente”.

In allegato, l’ordinanza del CdS: consiglio di stato