Marinai positivi al Covid, preoccupazione per la ripresa dei flussi croceristici

184
DCIM100MEDIADJI_0008.JPG

CIVITAVECCHIA – Preoccupazione dopo la notizia di tre marinai risultati positivi al Covid-19 su alcune navi da crociera ormeggiate nel Porto di Civitavecchia. Sulla questione si registra l’intervento di Tullio Nunzi che manifesta i suoi timori per la ripresa del flusso crocieristico, e dunque per l’economia portuale e terziaria.

“Ovvio che ci saranno slittamenti nella ripartenza – commenta Nunzi – e forse una normalizzazione avverrà soltanto nel 2021. Nel frattempo il porto avrà un ulteriore aggravamento della sua crisi,(non aiutato dalle tristi vicende interne) il commercio nonostante la volontà di lottare avrà grandi problemi di sopravvivenza, così come il turismo, ma ancora più grave sarà la crisi dell’indotto: agenzie marittime,servizi portuali, guide turistiche, trasporti etc. Una città allo stremo e la necessità di una vertenza generale e di un intervento governativo consistente e variegato, visto L unicità della crisi e del porto e del legame con la città. In questi casi sarebbe necessario un intervento comune: imprenditori sindacati amministrazione per evitare una crisi economica devastante e senza ritorno”.