L’opposizione: “Tedesco si confronti in Consiglio comunale sulla crisi di maggioranza”

21

CIVITAVECCHIA – Il Sindaco Tedesco si confronti in Consiglio comunale sulla crisi di maggioranza. E’ quanto chiede compatta l’opposizione in una nota congiunta firmata da Pd, M5S, Onda Popolare e Lista Tarantino. Di seguito il testo integrale della loro nota.

Il recente azzeramento della giunta e l’immediato varo di un nuovo esecutivo non sono fatti che possono passare inosservati.
Essi assumono connotati allarmanti, anche considerando che avvengono in un momento in cui l’attenzione dovrebbe essere completamente rivolta ai gravi problemi della popolazione piuttosto che agli equilibri interni ai partiti di maggioranza.
In una fase come l’attuale, in cui tutto il mondo è attraversato da una crisi drammatica, le forze politiche che amministrano il nostro comune pensano unicamente alle loro postazioni di comando.
E’ davvero sconcertante ed inaccettabile.
Con una sorta di blitz il Sindaco ha licenziato alcuni amministratori e li ha sostituiti con altri, senza ritenere doveroso fornire chiarimenti e spiegazioni. Ciò suscita non pochi interrogativi: non erano all’altezza del loro compito? Hanno contravvenuto a qualche loro dovere? Esistono ragioni occulte che hanno indotto a modificare gli assetti? Ci si dica con chiarezza e si spieghino le ragioni delle scelte operate.
Non è certo nostra intenzione difendere gli esclusi, ma questi interrogativi agitano l’intera comunità cittadina che attende risposte credibili, perché le modalità adottate suscitano non pochi dubbi e perplessità.
In assenza di chiarimenti ogni illazione e ogni sospetto sono legittimi.
Ad accrescere i dubbi c’è anche la considerazione che è proprio in questa fase che stanno maturando scelte che incideranno pesantemente sul futuro del nostro territorio, sulla sua economia, sul suo ambiente, sulle sue prospettive di sviluppo.
Una serie di grandi e gravi problemi stanno venendo a maturazione, a partire dalla volontà dell’Enel di costruire una nuova centrale a Torrevaldaliga nord.
Problemi rilevantissimi che richiedono un governo attrezzato, determinato e coerente, un governo all’altezza dei compiti.
Una fase strategica e complessa come l’attuale deve essere governata con lucidità e coerenza e con una visione unitaria, capace di aggregare intorno a proposte precise l’intera popolazione, in tutte le sue molteplici espressioni, a partire dal Consiglio comunale.
I nostri amministratori, al contrario, sembrano essere interessati unicamente ai loro equilibri interni.
Questa mortificante operazione è stata condotta al di fuori della società cittadina ma anche al di fuori della istituzione. Il Consiglio comunale non è stato neppure sfiorato da queste decisioni mentre riteniamo sia dovere specifico del Sindaco riferire nella massima assise ciò che sta avvenendo e fornire le necessarie informazioni.
Sottrarsi al confronto vuol dire implicitamente riconoscere che ci sono ragioni inconfessabili alla base di quanto avvenuto.
Il potere non è esclusivo possesso delle maggioranze.
Una maggioranza autoreferenziale, che non si confronta con le opposizioni e con la città, non fa che manifestare una intrinseca debolezza oltre ad una visione arrogante del potere.
La città ha fretta di affrontare i veri problemi che stanno sul tappeto, le tante fondamentali urgenze che abbiamo ed ha quindi bisogno di un governo adeguato, non di un coacervo di forze tenute insieme soltanto da logiche incentrate sulla divisione del potere.
Ciò è sempre inaccettabile, ma dato il momento che viviamo e le scadenze che sono dinanzi a noi, risulta anche offensivo per la sensibilità e la coscienza collettiva”.

PARTITO DEMOCRATICO E GRUPPO CONSILIARE PD – (PIENDIBENE,DI GENNARO, DE ANGELIS)
MOVIMENTO 5 STELLE E GRUPPO CONSILIARE M5S – (LUCERNONI, D’ANTO’, LECIS)
ONDA POPOLARE E GRUPPO CONSILIARE OP – (SCILIPOTI)
LISTA TARANTINO E GRUPPO CONSILIARE LT – (TARANTINO)