L’Assessore alla cultura di Riccione illustra ai capigruppo e assessori le azioni messe in campo nel suo comune

CIVITAVECCHIA – Conferenza dei capigruppo particolare quella che si è riunita ieri. Stefano Caldari, assessore al turismo di Riccione ha spiegato in videoconferenza su invito del presidente del consiglio comunale Emanuela Mari quelle che sono le azioni che si stanno portando avanti nella citta adriatica in vista dell’estate.

“Ho chiesto all’assessore al turismo di Riccione questo confronto che credo sia stato molto utile. Riccione vive di turismo ed era utile capire come si stavano muovendo in vista della stagione estiva, in piena emergenza Covid – ha spiegato la Mari -. L’assessore Caldari ci ha spiegato alcune delle azioni che stanno portando avanti gli imprenditori di Riccione. Alcune molto interessanti. Gli stabilimenti da loro apriranno il primo giugno. Gli ombrelloni saranno distanziati di tre metri e la zona riservata al nucleo famigliare verrà utilizzata anche per mangiare attraverso una app sul telefono. L’applicazione permetterà di ordinare in qualsiasi ristorante e consumare comodamente sotto l’ombrellone. Anche per la prenotazione degli ombrelloni e per il pagamento si utilizzerà la tecnologia evitando così i momenti di assemblamento quando si arriva in spiaggia. Un utilizzo che potrebbe essere ripetuto anche in serata con una collaborazione proficua tra ristoratori e gestori di stabilimenti”.

Anche per quanto riguarda gli hotel l’assessore ha spiegato come tutti i dipendenti si stanno sottoponendo ai test e gli stessi albergatori stanno facendo dei pacchetti vacanza per i clienti che vedono compresi i test sierologici.

“Voglio ringraziare i miei colleghi della capigruppo e l’assessore al turismo Grasso, l’assessore al commercio Pescatori, i consiglieri Scilipoti, Petrelli, Marino, Perello, Frascarelli, Piendibene, Lucernoni, Cacciapuoti e Mecozzi che hanno partecipato attivamente a questa assise offrendo spunti davvero interessanti. Dovremo per forza puntare su un turismo regionale per questa emergenza e potremmo sfruttare questa occasione per caratterizzare il nostro territorio, unico per bellezza e qualità del suo pesce” ha concluso la Mari.