La Commissione Europea investe sul Porto di Civitavecchia attraverso le Autostrade del mare

485

CIVITAVECCHIA – Un’ottima notizia per il Porto di Civitavecchia. La Commissione Europea ha deciso infatti di cofinanziare con 2,2 milioni di euro il progetto “BClink: MOS for the future”, finalizzato a integrare le catene logistiche dei Porti di Civitavecchia e Barcellona investendo in questo modo sulle autostrade del mare. A darne notizia è stato stamattina il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Di Majo, nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Roma presso la Conferederazione Italiana Armatori.

Commenti positivi dal mondo politica per la notizia di questo significativo investimento sul territorio.

L’azione sinergica tra Autorità portuale, governo e Regione Lazio ha portato a un risultato importantissimo – commenta la Deputata Pd Marietta Tidei – Si tratta di un traguardo straordinario perché grazie a questi fondi si darà vita a un progetto che prevede servizi e azioni a sostegno della mobilità di persone e merci e a attività volte a migliorare le prestazioni ambientali. Come ha messo in evidenza il presidente Di Majo, grazie a questo progetto si renderanno più efficienti i collegamenti e sarà possibile incrementare i traffici tra Civitavecchia e Barcellona, grazie anche alla presenza di un armatore come Grimaldi che da anni effettua un servizio regolare di linea tra i due porti del Mediterraneo. Per Civitavecchia arriva oggi una bella notizia, che premia un lavoro serio e responsabile”.

Sulla stessa linea l’altro deputato Pd Emiliano Minnucci: “L’investimento promosso dalla Commissione Europea a beneficio del porto di Civitavecchia testimonia il grande valore strategico del nostro scalo regionale che ambisce a diventare uno dei punti di forza del comportato portuale internazionale.Il progetto ‘BClink: MOS for the future’ e l’investimento promosso da Bruxelles fanno del Lazio una regione ancor più competitiva sia sul piano infrastrutturale che su quello economico. Una vera propria iniezione di fiducia che ci deve imporre a guardare la nostra regione anche con un occhio più europeista puntando sulle eccellenze imprenditoriali che abbiamo localmente a disposizione. In questo contesto, dopo lo sblocco dei finanziamenti per l’apertura del cantiere della trasversale Orte–Civitavecchia, come ho sempre sostenuto tanto da farne un mio cavallo di battaglia, è necessario spingere sull’acceleratore per il ripristino della linea ferroviaria Civitavecchia–Capranica–Orte che rappresenterebbe un’importante opportunità di collegamento tra il Litorale e il centro Italia”.