Inquinamento. Tidei e Iacomelli chiedono un incontro urgente ad Enel, Autorità portuale e Arpa

CIVITAVECCHIA – Pietro Tidei e Ivano Iacomelli, in qualità di Presidente dell’Assemblea dei Sindaci e di Presidente del Cda dell‘Osservatorio ambientale, hanno chiesto ad Enel, Autorità Portuale e Arpa un incontro urgente con Enel, Autorità portuale e Arpa a seguito di preoccupanti sforamenti rispetto ai limiti di legge (media giornaliera) rilevati da tutte le centraline.

“Per il secondo giorno le stazioni che monitorano la qualità dell’aria hanno infatti rilevato sforamenti dell’inquinante PM 10 (media giornaliera oltre il limite dei 50 µg/m3) – commentano Tidei e Iacomelli – Diciotto sforamenti nel 2022 di cui ben 16 in due giorni. Con diversa intensità ha riguardato i comuni di Civitavecchia, Allumiere, Tolfa e Monteromano, ma non escluderebbe con ogni probabilità né Tarquinia né Santa Marinella. Attualmente il PM 10 infatti non è rilevato dalla Centralina di Santa Marinella mentre quella di Tarquinia è completamente fuori servizio. La situazione si lega alla concentrazione delle polveri sahariane che si aggiungono alle emissioni Enel Porto e Traffico veicolare.