“Il rilascio delle licenze stagionali dovrà avvenire solo attraverso bando pubblico”

513

CIVITAVECCHIA – Apprendiamo con favore quanto dichiarato dall’Assessore Enzo D’Antò nei giorni scorsi, circa “la mancanza di rischi di essere invasi dai taxi romani”. Purtroppo constatiamo ancora un caos generale sulla regolamentazione dei Taxi, la stagione estiva si sta avvicinando e le moltissime criticità permangono all’interno della categoria locale.

A scanso di ogni equivoco avvertiamo però, che l’ipotesi prospettata dall’assessore di assecondare le esigenze e le richieste delle auto bianche, non passeranno con la trasformazione dei veicoli cosiddetti di scorata a licenze stagionali. Questo perché caro assessore, è moralmente inaccettabile, che lei abbia permesso il rilascio di ben 12 licenze temporanee aggiuntive con la scusa del trasposto disabili. artt. 20, 32 e 44 del regolamento. Le Rammentiamo che lo spirito della Delibera 229/2015, (art. 3 dell’allegato A- licenze speciali taxi di scorta a servizio portatori di handicap) sottolinea la messa a disposizione di tali vetture solo in caso di effettiva richiesta. Dal momento che la delibera in oggetto è a Lei nota, appare quanto mai strano che le sia sfuggito ben articolata prescrizione, non soltanto, risulta essere ancora più strano che un amministratore pubblico non si sia posto la domanda del picco vertiginoso di richiesta di mezzi per trasposto di disabili. E’ sotto la sua responsabilità che sono state rilasciate ben 12 licenze che operano in aggiunta e in continuità a quelle già esistenti arrivando ad avere su piazza circa 32 operatori. Nonostante questa sua attenzione per le persone con disabilità, l’anno scorso per effettuare un servizio di trasposto di uno studente portatore di handicap, casa/scuola, il Comune non è riuscito a reperire un solo mezzo lasciando il ragazzo a casa!!

Purtroppo sotto la sua amministrazione si è dato vita ad una sorta di abusivismo legalizzato dietro la copertura dei disabili. Questo giochetto ha determinato il raddoppio dei mezzi su piazza, arrecando danno a chi invece le regole le osserva. Tutte queste cose sono state da tempo segnalate a Lei e ai suoi uffici, per non parlare del Comandante dei vigili, che stranamente non sembra interessato al controllo. Questa organizzazione a tutela dei suoi iscritti e, alla dignità delle tantissime persone con disabilità che vivono e pagano le tasse sul territorio di Civitavecchia, avverte con molta serenità, che non tollererà più siffatta speculazione. Il rilascio delle licenze stagionali dovrà avvenire solo ed esclusivamente attraverso bando di concorso pubblico Legge 248/2006. Per quello che attiene le autorizzazioni temporanee già rilasciate, ci aspettiamo un segnale di ripristino di legalità da parte di D’Anto. Alimentare altri contrasti all’interno della categoria non serve a nessuno tanto meno a lei assessore.

 

Fabiana Attig – Responsabile Civitavecchia sede Zonale UTL di Roma