“Il Protocollo sulla inumazione dei feti non impone niente a nessuno”

0
198

CIVITAVECCHIA – Dal Movimento per la Vita Civitavecchia riceviamo e pubblichiamo:

“In questi giorni, da quanto si legge sugli organi di informazione, continua la polemica sulla controversa questione relativa alla sepoltura dei feti umani, e sulla relativa delibera della ASL ROMA4, pienamente legittima, che alcuni movimenti vorrebbero abrogare.
Va dato atto alla ASL ROMA4, invece, di aver mantenuto in vigore la delibera in oggetto, che dispone la sepoltura dei non nati, pur tenendo conto dei suggerimenti che, nel corso di questi mesi, sono giunti da varie parti, suggerimenti accolti, a quanto si legge in un comunicato, anche da ADVM ( Associazione Difendere la Vita con Maria).
Ci permettiamo peraltro di osservare che la delibera di cui si parla, a nostro avviso, pur necessitando di miglioramenti, va semplicemente modificata sotto l’aspetto del consenso informato,con l’accordo tra le parti interessate, ASL e ADVM, ma non revocata, in quanto il protocollo di intesa costituisce il frutto di anni di paziente lavoro tra le parti, lavoro svolto con competenza e rispetto reciproco.
La revoca in toto dell’atto, deluderebbe le aspettative di ADVM e di tutte quelle donne che invece avvertono l’esigenza di essere informate sulla possibilità di dare sepoltura ai propri figli quando la gravidanza non si è conclusa o è stata interrotta.
Bisogna anche tener conto dell’impegno di ADVM, che, gratuitamente, ed in totale buona fede, ha nel frattempo provveduto al regolare acquisto del terreno in area cimiteriale e ad altre costose incombenze tecniche, proprio allo scopo di offrire un servizio gratuito e senza spese per quelle madri che lo desiderano.
Per questo motivo, adottare una revoca tout court della delibera da parte della ASL suonerebbe come una nota stonata, dopo anni di accordi e trattative. Non sarebbe forse un affronto a tutte le donne che lo desiderano, negare il diritto di dare sepoltura al bambino non ancora nato, che non hanno potuto o voluto accogliere ?
Queste donne e madri – e molti casi sono capitati anche nella nostra associazione che ignoravano tale possibilità – hanno il diritto di essere informate sulla facoltà, riconosciuta dalla legge, di operare o meno la scelta di inumare il feto o l’embrione abortito. Lo dicono le leggi, lo dicono le circolari ministeriali. La stessa Corte Costituzionale ha affermatocon sentenza n. 229/2015: “l’embrione, quale che ne sia il più o meno ampio, riconoscibile grado di soggettività correlato alla genesi della vita, non è certamente riducibile a mero materiale biologico”, così come il Comitato nazionale di bioetica, da tempo ( 27 giugno 1996 ) ha ritenuto doveroso “trattare l’embrione umano, sin dalla fecondazione, secondo i criteri di rispetto e tutela che si devono adottare nei confronti degli individui umani a cui si attribuisce comunemente la caratteristica di persone..”.
Naturalmente l’iniziativa di ADVM, a nostro avviso, non minaccia in alcun modo la laicità dello Stato, (che anzi ne viene rafforzata, attuando principi di sussidiarietà e di solidarietà), non impone niente a nessuno. Del resto non ci sembra giusto che tale associazione, di matrice cristiana e cattolica, debba essere fatta segno di discriminazione e delegittimazione ad intervenire in uno spazio pubblico, ma ne ha pieno titolo, allo stesso modo in cui è consentito, a qualsiasi altro ente privato, agire pubblicamente, nel pieno rispetto della Costituzione e delle leggi dello Stato.
Siamo pertanto fiduciosi nell’operato della ASL ROMA4 in merito all’osservanza degli accordi presi con ADVM, ratificati più volte con atti perfettamente legittimi. Se accadesse il contrario, sarebbe una grossa delusione per i moltissimi utenti e cittadini che stimano ed apprezzano l’operato della dirigenza della nostra ASL, che in questi anni si è fatta unanimente apprezzare per capacità, professionalità ed equilibrio nel gestire l’aziensa sanitaria locale”.

Movimento per la Vita Civitavecchia

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY