“Il crollo del Grammatica colpa della mancata manutenzione del Comune”

485

CIVITAVECCHIA – Il crollo della tensostruttura del campo da pallamano di via Leopoli mette in evidenza tutte le deficienze di questa Amministrazione. La quale, sul fronte delle manutenzioni, mostra pienamente di aver fallito. Se “prevenire è meglio che curare”, la giunta Cozzolino sembra non aver minimamente idea di quale sia il significato di questa affermazione, lasciando inavvertitamente che la città sprofondi sotto il peso dell’incuria e dell’indifferenza. E’ compito di chi amministra adoperarsi per predisporre attività di costante monitoraggio di quelle che sono le strutture più importanti della città, e gli impianti sportivi sono chiaramente tra i primi. Tra gli esempi che potremmo portare a testimonianza di quanto affermiamo ci sono l’ex campo di calcio “Saraudi” ridotto in una gigantesca sterpaglia, i campetti di San Liborio in totale abbandono tanto da essere quasi inagibili, i parchi pubblici, come quello centrale della Resistenza (con la struttura dell’ex Cozzeria decisamente pericolosa) e il “Badel Powell” di Boccelle, la pista ciclabile in zona San Pio X-Polveriera, il canile municipale, il “quartiere della Solidarietà” di San Liborio (per il quale la delibera è abbondantemente scaduta) e così via. Potrei continuare all’infinito ma rischierei di far finire questo mio intervento in un vorticoso pozzo artesiano, dal quale sembra essere già stata ingoiata la nostra città… Che una nevicata abbia provocato tale sciagura non è affatto accettabile. Non vogliamo essere critici ad ogni costo verso chi ci governa, ma non possiamo non prendere le distanze per le modalità con cui opera: sono quattro anni che si naviga a vista, senza un serio programma di intervento, senza un impegno tangibile. Di fronte alla giustificazione ormai abusata del “non ci sono soldi nelle casse”, ribadiamo, anche con un pizzico di rabbia, che è compito degli amministratori reperirli, spendersi su tutti i fronti (come su quello dei fondi europei, ad esempio) per evitare che la città si inabissi nel “mare magnum” della disperazione. Siamo chiaramente vicini alla società “Flavioni handball” che da anni porta in alto il nome di Civitavecchia sul territorio nazionale: speriamo che si possa trovare una tempestiva soluzione in modo tale che i campionati delle varie categorie non vengano interrotti, e che si possa tornare quanto prima alla normalità. Restiamo in attesa di vedere come la giunta Cozzolino riesca a “risollevare” la situazione, tenendo presente che il crollo del muro di cinta dell’impianto, lato via Etruria, risulta chiaramente pericoloso per i passanti sebbene la zona sia stata transennata. Prendiamo nettamente le distanze da questo superficiale modus operandi di far politica ma garantiamo ai cittadini che siamo già pronti con un’azione di governo ed un’unità di coalizione per far tornare questa città viva e piena di entusiasmo.

Giancarlo Frascarelli – Vice coordinatore di FI