Festività di Ognissanti e dei Morti, Comitato 14 Maggio: “Agevolare i cittadini, valorizzare il cimitero monumentale”

35

CIVITAVECCHIA – In prossimità della ricorrenza di Ognissanti e dei Morti il Comitato 14 Maggio chiede al Sindaco Ernesto Tedesco di prevedere, considerata l’emergenza COVID-19 in corso, un piano straordinario per il servizio del trasporto locale ed una rimodulazione dell’orario di apertura dei cimiteri comunali.

“Essendo due date di massimo afflusso alle strutture cimiteriali del nostro Comune – si legge in una nota del Comitato – e per evitare congestionamenti durante le festività in questione, riteniamo doverosa l’estensione dell’orario di apertura nei giorni di domenica 1° novembre e lunedì 2. A tal proposito, chiediamo in prossimità dei giorni indicati un’adeguata campagna informativa e un servizio navetta straordinario in maniera tale da evitare ingorghi e agevolare l’accesso in sicurezza al cimitero. Come ebbe a scrivere Alfredo Cattabiani, i camposanti dovrebbero tornare ad essere luoghi familiari e ridenti perché contengono le nostre radici, tutti coloro che ci hanno preceduto trasmettendomi non soltanto la vita ma anche il patrimonio di tradizioni, di cultura e di regole morali su cui è fondata la nostra comunità. Per questo motivo la Commemorazione dei defunti non è soltanto una ricorrenza religiosa o un’occasione per rievocare i nostri defunti, ma dovrebbe essere una vera festa per la città”.

Il Comitato 14 Maggio segnala al Sindaco di Civitavecchia l’esempio del Comune di Torino che nel 1987 ha invitato i cittadini ad adornare con i fiori, messi a disposizione gratuitamente dall’amministrazione, tutte le tombe e inviando nei cimiteri la Banda dei Vigili urbani perché con le sue note gioiose sottolineasse anche la valenza civile della Commemorazione. Infine, per spingere i torinesi a passeggiare nei camposanti al di fuori della ricorrenza, distribuì gratuitamente una guida del cimitero monumentale, intitolata significativamente “Le nostre radici”: così sono state poste le basi per un’usanza che si dovrebbe estende anche alla nostra città.

“L’amministrazione locale di Civitavecchia – concludono dal Comitato – ha così la possibilità di dare la giusta valenza ad una festività religiosa e civile nonché valorizzare e restituire alla cittadinanza il cimitero monumentale della città, il cui patrimonio è stato oggetto di diverse pubblicazioni da parte delle associazioni del territorio”.