“Dalla Provincia benefici concreti per Civitavecchia”

202

tidei stella de paolisCIVITAVECCHIA – Conferenza stampa questa mattina al comitato Tidei, dove assieme al candidato sindaco, il consigliere provinciale Gino De Paolis e l’assessore provinciale Rita Stella hanno presentato un resoconto dell’attività amministrativa della provincia di Roma a guida Zingaretti in questi tre anni e mezzo di mandato.
L’attività dei due esponenti del centrosinistra per Tidei “ha dato lustro al nostro territorio oltre a portare benefici concreti alla città attraverso progetti e idee. L’attuale amministrazione non è mai stata all’altezza di presentare un solo progetto. E quando andremo al comune la collaborazione sarà ancora maggiore”.
L’assessore alle politiche scolastiche Rita Stella ha lodato il lavoro della coalizione “che ha prodotto una notevole ricaduta economica, culturale e sociale sulla città, esperienza che vorremmo trasferire anche a livello comunale. La Provincia ha investito nella scuola circa duecento milioni di euro, di cui venti nella città di Civitavecchia per rendere le scuole più sicure e adatte per la formazione dei ragazzi; penso al lavoro dell’auditorium di via della Polveriera ad esempio. Ritengo fondamentali anche i duecentomila euro investiti per approfondimento su costituzione e legalità”.
Il consigliere Gino De Paolis ha invece paragonato l’attività del consiglio provinciale con quella del consiglio comunale di Civitavecchia. “Dinanzi a soli centotredici consigli comunali la Provincia ha fatto 272 consigli provinciali in meno di quattro anni e trecentotredici conferenze dei capigruppo. Abbiamo impedito la realizzazione della bretella A12-Porto e ci stiamo battendo per impedire la megadiscarica. Abbiamo investito fondi in formazione e sanità.”
Il consigliere ha poi ricordato di aver presentato un odg firmato del consiglio provinciale in cui si presenta il progetto di un subdistacamento della polizia provinciale di dieci unità da Bracciano a Civitavecchia; progetto su cui Tidei si è assunto l’impegno della realizzazione una volta eletto: “Il problema della sicurezza è oggi più che mai sentito – ha concluso – e c’è bisogno di segnali forti e concreti da parte di chi amministra”.