Dal 1 giugno parte il servizio dell’Ape Calessino

The new "Ape Calessino" model is seen at the Piaggio factory in Pontedera July 25, 2007. Italian scooter maker Piaggio increased sales 7.2 percent in the first half to 968 million euros ($1.3 billion), it said in a statement on Wednesday after its chief executive gave the figure at a new model presentation. REUTERS/Marco Bucco (ITALY)

CIVITAVECCHIA – Il prossimo 1 giugno 2019 avrà inizio il servizio di trasporto turistico comunale con conducente effettuato con veicoli della categoria L4 E L5 (Ape Calessino).
Il servizio, ad offerta indifferenziata al pubblico, secondo l’itinerario e le fermate predeterminate, è inteso quale strumento di supporto alle attività turistiche, nel rispetto dell’ambiente urbano, ai sensi delle vigenti normative nazionali (D.Lgs. n. 155 del 13.08.2010) e comunitarie (Direttive n. 50 del 21 maggio 2008) ed a tutela del patrimonio ambientale, storico e culturale della città.

Il Servizio prevede tre itinerari all’interno dell’area territoriale di competenza del Comune di Civitavecchia:
1) storico-archeologico;
2) mare-terme;
3) storico-mare;

La tariffa di ogni ‘corsa’ è libera e stabilita dall’assegnatario, in modo che sia remunerativa dei costi di svolgimento del servizio e degli ingressi nei siti archeologici, monumentali e ambientali.

“Fra pochi giorni le api calesse potranno portare i turisti a vedere le bellezze della nostra città – afferma l’Assessore al Turismo Enzo D’Antò – Dopo un iter burocratico particolarmente lungo e complesso, siamo riusciti ad arrivare alla definizione del cammino amministrativo e questo nuovo servizio potrà partire. Si tratta, per questa prima fase, di 4 mezzi: le licenze sono state affidate dopo lo svolgimento di un regolare avviso pubblico. Dovranno compiere dei percorsi turistici pre-determinati e sono fiducioso che riscontrino l’apprezzamento dei turisti, così come già avviene in altra città d’Italia e del mondo. Ringrazio coloro che hanno risposto positivamente all’avviso pubblico, dimostrando voglia di mettersi in gioco per la propria città. Le api calesse implementano l’offerta turistica a disposizione a Civitavecchia e rappresentano un ulteriore possibilità lavorativa per i nostri concittadini”.