Da 58 firme un appello per il NO

235

CIVITAVECCHIA – 58 firme per dire No al referendum sul taglio dei parlamentari del prossimo 20 e 21 settembre. Questo l’appello che arriva direttamente dalla società civile di Civitavecchia e sottoscritto da esponenti del mondo politico, sindacale, sociale e culturale cittadino, provenienti anche da sensibilità politiche differenti. Di seguito il testo integrale dell’appello, già diffuso nella giornata di ieri sui social.

“Domenica 20 e lunedì 21 settembre si voterà il referendum confermativo sul taglio dei parlamentari. Una drastica riduzione del numero sia alla Camera dei deputati che al Senato della Repubblica.
Le ragioni dei promotori del referendum sono sostanzialmente due: la riduzione dei costi della politica e la considerazione che, sempre secondo i proponenti, un Parlamento più snello può essere anche più rapido e più efficiente nelle decisioni.
La nostra opinione è che entrambi gli argomenti siano sbagliati e fuorvianti, anche se possono facilmente attecchire in settori dell’opinione pubblica sedotti dalla facile demagogia dell’antipolitica.
Si tratta soltanto della foglia di fico per coprire il vero inconfessabile obiettivo: ridurre ulteriormente la già fragile autorità della massima istituzione democratica del paese.
In un momento come l’attuale non abbiamo certo bisogno di indebolire il rapporto già difficile tra gli elettori e gli eletti.
Le pulsioni in corso per un accentramento dei poteri nelle mani di pochi traggono ulteriore alimento da questo referendum. E’ una spinta ulteriore verso l’autoritarismo.
La riduzione dei parlamentari significa che la rappresentanza sarà drasticamente ridotta e con essa il rapporto con i territori e con i cittadini, che la selezione degli eletti sarà sempre più nelle mani delle oligarchie dei partiti che naturalmente sceglieranno sulla base del rapporto di fedeltà dei candidati e non della loro qualità, che si abbasserà quindi ancora di più il livello qualitativo del nostro parlamento (che già oggi è uno dei problemi più avvertiti), che le candidature saranno possibili soltanto per i detentori di redditi elevati (i collegi saranno vastissimi e le spese per la propaganda elettorale proibitive), che sarà sempre più debole il controllo della società sui lavori parlamentari. Altro che “un attacco alla casta” come vorrebbero contrabbandare i promotori. Sarà l’esatto contrario.
Noi siamo per il NO non perché non riteniamo sia necessario rivedere il funzionamento della istituzione parlamentare. Al contrario: pensiamo sia urgente una seria riforma del sistema nell’ambito della quale la riduzione dei costi della politica sarà conseguenza diretta, necessaria e di ben altra dimensione.
A partire dalla legge elettorale e dal superamento del bicameralismo perfetto (due camere con le identiche funzioni). Veri nodi delle disfunzioni e della farraginosità della nostra democrazia.
Bisogna rafforzare la istituzione, consolidare le nostre basi democratiche, accrescere i livelli di libertà sanciti dalla nostra Costituzione.
I nostri padri costituenti hanno lasciato in eredità una Carta esemplare, frutto di una intesa tra le grandi forze popolari.
Snaturarne l’essenza con superficialità, limitandosi a tagliare il numero dei parlamentari senza un coerente progetto e solo al fine di assecondare spinte antisistema, è un errore foriero di conseguenze che potrebbero rilevarsi pericolose per il nostro stesso ordinamento”.

Adele Zirulia Adriano Feligioni Alessandro Quaglio Amelia Ciampa Andrea Mori Anna Bruno Anna Luisa Contu Benedetto Salerni Claudio Galiani Clemente Longarini Damiano Lauro Dario Bertolo Diego Nunzi Enrico Maria Falcone Enrico Paravani Eraldo Riccobello Ezio Calderai Fabrizio Barbaranelli Franco Grassi Gabriella Ramoni Giampaolo Scoppa Giancarlo De Carli Giancarlo De Gennaro Giancarlo Maruccio Giancarlo Peris Gianna Di Marco Gino Saladini Gino Vinaccia Giordano Luciani Giorgio Gargiullo Giulio Pierettori Isabella Piendibene Lucia Bartolini Manuel De Sio Marcello Rocchetti Marco Di Gennaro Marco Galice Marco Manovelli Marco Piendibene Marietta Tidei Marino Iacomelli Marina De Angelis D’Ossat Massimiliano Criscoli Matteo Vecchi Nicola Porro Nora Costantini Paola Angeloni Pierfranco Peris Piero Alessi Rita Busato Roberto Morucci Roberto Sanzolini Rosamaria Sorge Serenella Longarini Simonetta Bisi Talisa Mazzoni Valentino Carluccio Vera Improta.