“Civitavecchia ed il suo hinterland hanno bisogno della Camera Iperbarica”

537

CIVITAVECCHIA – Da troppo tempo l’importante strumento sanitario, che come noto è ubicato all’interno dell’area portuale, per troppe pastoie burocratiche giace inattiva da troppi anni e non può dare il suo importante apporto a tante patologie che troverebbero certo giovamento dalla sua importante applicazione.

Appare inspiegabile agli occhi dei tanti che vorrebbero vederla nuovamente funzionante, quali e quante siano le ragioni reali della sospensione del servizio reso dalla Camera iperbarica che come noto, nel corso degli anni è stata oggetto di molteplici tentativi di riattivazione, non andati a buon fine per le famose pastoie, anche da parte di associazioni locali che si erano resi disponibili alla sua gestione e che vanno per questo ringraziate.

Preso atto dell’importanza che la Camera iperbarica potrebbe rivestire nell’immediato per contrastare tantissime patologie, anche mortali, quali ad esempio l’Ostiomielite, l’invito alle Competenti Autorità Territoriali, è quello di provvedere in tempi rapidissimi alla sua riattivazione per dotare il territorio di un importante mezzo per prevenire e curare patologie gravi che potrebbero colpire in maniera indiscriminata la cittadinanza.

Tutta la politica, sul grave tema, in questi casi dovrebbe trovare una sintesi comune e lavorare insieme per raggiungere l’importante obiettivo di garantire alla cittadinanza una ulteriore copertura sanitaria oggi del tutto inesistente sul territorio comunale e su quelli limitrofi.

Spaventa anche l’inerzia di questa Amministrazione silente sul caso, che ripetutamente sollecitata non è stata in grado di avviare un percorso che potesse restituire serenità a tutte quelle persone costrette a prestazioni sanitarie esterne che invece potrebbero trovare una soluzione ai propri problemi di salute direttamente in casa propria.

 

Mirko MecozziConsigliere comunale Polo Democratico