Civiservice: “Stesso trattamento da Enel, solidali con i lavoratori della CPC”

243

CIVITAVECCHIA – Alla luce di quanto apparso nella cronaca locale di questi giorni si sta ripresentando lo scenario deprimente già visto negli scorsi mesi, quando esattamente a gennaio 2018 la Civiservice srl è stata esclusa dalla gara per il servizio di pulizia dei locali ed uffici della Centrale di TVN, dopo circa 6 anni di onorato servizio, senza neppure essere stata avvisata della pubblicazione di detto bando.
Ci riferiamo alla questione CPC-ENEL per lo scarico del carbone, certamente la realtà della Civiservice non può essere paragonata alla CPC per quanto riguarda il numero dei lavoratori coinvolti, ma resta il fatto che si tratta sempre di imprese locali, che hanno lavorato dignitosamente, senza lamentele né contestazioni da parte della SPA elettrica per molti anni.
Quello che non si riesce a capire e non si può condividere, è la politica adottata da Enel, che non rispetta la dignità dei lavoratori locali né delle imprese che tanto faticano a mantenere i propri dipendenti, garantendo sempre la regolarità degli stipendi.
La Civiservice srl ben capisce la preoccupazione e la frustrazione della dirigenza della CPC ed ancora di più l’ansia dei ca. 400 lavoratori interessati.
Quando a gennaio la Civiservice ha perso l’appalto, ha interessato il Comune di Civitavecchia, affinché si facesse portavoce della sua richiesta di rispetto del patto sociale per il quale l’Enel avrebbe dovuto invitare alla gara in primis le imprese locali, ma nulla è stato fatto perché evidentemente contro il colosso energetico nulla si vuole fare.
A questo punto si deduce che Enel ormai abbia optato per una linea che non rispetta né il territorio nel quale si trova né tantomeno i cittadini che vi abitano e che subiscono continui danni ambientali: almeno in cambio sarebbe giusto che venisse garantito il diritto al lavoro.
La Civiservice infine muove un appello all’Amministrazione locale, affinché non venga permesso questo ulteriore oltraggio e si impongano all’Enel condizioni ferme a tutela delle imprese locali e dei lavoratori.

Civiservice