Carbone, la Lega si smarca dal centrodestra

308

CIVITAVECCHIA – La Lega è e sarà sempre al fianco delle le imprese locali e dei suoi lavoratori da tutelare senza se e senza ma. Una impresa locale che lavora ha ovviamente modo di crescere, di fare nuovi investimenti e quindi nuove assunzioni.

È inaccettabile come con l’ennesima decisione romana, da parte di una Multinazionale che fattura miliardi e che da decenni mette in ginocchio il territorio civitavecchiese, in primis sotto il punto di vista ambientale, possa in un attimo stravolgere i progetti di imprese, lavoratori e soprattutto famiglie, precarizzandoli e giocando al ribasso.

Questo però è solo l’ennesimo affronto alla Città. Non dimentichiamo le imprese e gli altri lavoratori – di Enel e Tirreno Power in primis – diretti e dell’indotto, che da un giorno all’altro hanno perso il lavoro in un assordante silenzio.

Per la prossima settimana è stato convocato il tavolo permanente sull’emergenza lavoro, vera piaga sociale. L’attuale amministrazione comunale anche questa volta chiude il recinto dopo che i buoi sono usciti. Una cosa fuori dal mondo, così come lo è, altresì, il giocare su due tavoli da parte di chi indossa la maglia del manager d’azienda e dirigente politico contemporaneamente, strumentalizzando alcune situazioni e giocando sullo stato d’animo di certi lavoratori per un ritorno elettorale. Anche questa è una cosa che non può continuare e che deve esser chiarita.

Bisogna vedere però, se nell’interesse della città e del suo sviluppo, la politica sia davvero tutta unita, lasciando bandiere di partito nel cassetto ed evitando strumentalizzazioni per un mero tornaconto elettorale.

 

Alessandro D’AmicoCoordinatore Cittadino Lega
Alessandra RiccettiCapogruppo Lega in Consiglio comunale