Ast ICPL: “Il Sindaco chieda la sospensione della gara”

300

CIVITAVECCHIA – L’UGL è fortemente preoccupata per quanto sta accadendo intorno alla vicenda ICPL. Abbiamo seguito sin dall’inizio l’intera vicenda, a partire dalla manifestazione di interesse presentata dalla FM Logistic lo scorso febbraio. Un lungo percorso di affiancamento alla curatela fallimentare, al fine di salvaguardare tutti i livelli occupazionali, ma soprattutto l’intero complesso Logistico. Consapevoli che l’attuale azienda, che ha gestito negli ultimi anni la struttura ha totalmente mancato l’obiettivo di adeguamento alle esigenze del mercato, tra l’altro facendone un uso improprio che ne ha compromesso di fatto l’appetibilità di mercato e dove il Comune, titolare della concessione, si è ben guardato dall’intervenire in autotutela, nonostante tutti gli avvertimenti.

Ha acconsentito che un impianto deputato alla Logistica, dotato di oltre 35.000 mq di magazzini, venisse utilizzato principalmente per stoccare automobili, attraverso la stipula di contratti sottoscritti dalla ICPL Srl in liquidazione in regime di proroga. Attività questa che rende diseconomiche le operazioni di carico-scarico, e operando senza le certificazioni e il rispetto delle norme di sicurezza previste di legge per le persone e per le merci.

E’ stato occupato il 60% della capienza dei magazzini da merce a lenta rotazione senza un regolare contratto di servizio in grado di portare utili alla struttura. Questi alcuni motivi e non tutti per cui la FM Logistic forse non parteciperà all’asta non avendo riscontrato alcuna volontà negoziale sulla concessione da parte del Sindaco Cozzolino. Una concessione che oltretutto, allo stato attuale risulta poco chiara nelle condizioni, in quanto non permette una corretta valutazione rischi/opportunità per un eventuale concessionario. Il canone poi, risulta fuori mercato, a scapito sia della struttura stessa ma anche del diretto beneficiario, il Comune, perdendo sistematicamente rilevanti importi utili nel tempo ai necessari adeguamenti di sito.

Tutte valutazioni queste, che il Comune ha rifiutato di considerare pur sapendole necessarie per l’unico vero investitore affacciatosi sul panorama civitavecchiese. La FM Logistic, le cui credenziali non sono certo da porre a paragone con gli attuali gestori o pseudo tali che operano e agiscono pensando di risorgere dalla proprie ceneri come “La fenice”. La strada che abbiamo rappresentato in tutti questi mesi era per invertire la tendenza e cogliere le vere opportunità di mercato, cercando di affidare la struttura ad operatori validi e verificati, di
nota competenza e non improvvisati o governati da interessi particolari, da conflitti di interessi. Sicuramente non collegati con chi di mestiere fa altro dal logistico. Pensare come qualcuno già va dicendo, convinto forse del garantito successo, che per salvaguardare i livelli occupazionali basta creare una Cooperativa ad hoc. Sbaglia di grosso, l’UGL di certo non è tra coloro che ovvierà a questo sciagurato progetto che porterà solo che altra disoccupazione e nessuno sviluppo.

Quello che più ci rammarica è il comportamento negligente e ostativo del Sindaco che avrebbe potuto e dovuto creare le condizioni perché tali operatori, non certo piovuti dal celo, potessero valutare positivamente di investire nel nostro territorio per rendere pienamente operativa la struttura. Lunedi 23 scade la gara Cozzolino è ancora in tempo per porre rimedio chieda al Giudice Fallimentare un sospensione di 15 giorni utili a definire un atto di indirizzo di modifiche all’attuale concessione e utili soprattutto ad emettere una ordinanza di sgombero del sito da tutto il materiale stoccato non pertinente e dichiarare la nullità dei contratti stipulati da ICPL in regime di proroga. Soltanto liberando il sito della piattaforma logistica da ogni incombenza fugherà ogni dubbio sul suo neutrale operato. Se ciò non accadrà lunedì 23 assisteremo tutti al settimo déjà-vu… la Fenice che tenta di risorge dalla proprie ceneri….

 

Fabiana AttigResp. Confederale UGL Civitavecchia, Sede UTL di Roma